Positivi risultati per Repatha di Amgen, ma il titolo cede il 6.4% e brucia 8 miliardi di capitalizzazione

Amgen ha riportato venerdì i risultati relativi del trial clinico FOURIER con l’inibitore PCSK9 Repatha (evolocumab), la terapia sviluppata dalla biotech statunitense per la riduzione del colesterolo. Lo studio è stato condotto su 27564 pazienti per una durata di 2.2 anni e ha mostrato che Repatha riduce il rischio di infarto in maniera molto più efficace delle normali statine (+20%). Nonostante l’ottima notizia il titolo (NASDAQ) ha perso il 6.4% e bruciato $8bn di capitalizzazione e questo perchè gli investitori non credono che Amgen riuscirà a convincere le assicurazioni a rimborsare una terapia che costa $14500 all’anno. Amgen ha tentato di risolvere il problema proponendo alle assicurazioni sanitaria il rimborso nel caso in cui il paziente è colpito da un infarto nel corso del trattamento. Repatha, che é stata approvata nel 2015, e ha già generato vendite per $141m nel 2016, di cui $101m negli USA.
(Fonte WSJ)