2015 anno di importanti carve-outs nella chimica

Il 2015 sarà un anno di importanti riorganizzazioni aziendali, durante il quale diverse multinazionali della chimica si separeranno da rami di azienda e marchi storici. Nella maggioranza dei casi, queste operazioni saranno dettate dagli investitori finanziari (fondi di investimento) come nel caso di Dow Chemical, la quale ha annunciato che entro la prima metà dell’anno disinvestirà assets per un valore tra i $4.5bn e i $6bn, cedendo così alle pressioni dell’azionista Third Point. Anche nel caso di DuPont, un investitore finanziario, Trian Fund Management, ha forzato l’azienda ad annunciare il piano di cedere entro la fine dell’anno settori storici, che nel caso di DuPont sono Teflon, refrigeranti e pigmenti. BASF pare intenzionata a cedere il suo settore di prodotti per il tessile ad Archroma. L’americana FMC ha annunciato che venderà la divisione soda ash entro la fine del primo semestre. Recentemente anche la tedesca Bayer ha annunciato di uscire dalla chimica attraverso il posizionamento in borsa di Bayer Materials Science.
(Fonte GoINPHARMA)