AbbVie investe in due nuove terapie che propogono un nuovissimo approccio alla cura dell’Alzheimer

AbbVie ha firmato un accordo con la biotech Alector che mira allo sviluppo e commercializzazione di due terapie immuno-neurologiche sperimentali per la cura dell'Alzheimer e scoperte dalla stessa Alector. L'accordo prevede un primo pagamento da parte di AbbVie di $205m e la possibilità nel futuro di acquisire quote della biotech. Le terapie propongono un approccio completamente nuovo alla cura dell'Alzheimer che è molto simile a quello degli immunoterapici per la cura del cancro (Opdivo e Keytruda). L'assunzione di partenza é che il farmaco deve correggere un mancato funzionamento del sistema immunitario che permette l'insorgenza della malattia. Le nuove terapie agiscono infatti stimolando il sistema immunitario a reagire alla malattia rallentandone il decorso. Le due terapie non sono state ancora testate sull'uomo, infatti la prima sperimentazione clinica é prevista per il prossimo anno dopo che Alector avrà completato la PoC (Proof of Concept) delle due terapie. (Fonte Alector)