Aggiornamenti sui candidati per il posto di CEO di Sanofi

Ad ottobre Sanofi ha licenziato il suo CEO Chris Viehbacher e Serge Weinberg, Chairman del gruppo, è nominato CEO ad interim e incaricato di guidare la ricerca del successore di Viehbacher. Fin dall’inizio, i media hanno riportato che la ricerca dà la priorità a candidati di lingua francese e provenienti dal settore farmaceutico. In questo senso i primi nomi fatti sono stati Pascal Soriot, CEO di AstraZeneca, Christophe Weber di Takeda, Oliver Bohuon di Smith & Nephew e Olivier Brandicourt capo del settore Healthcare di Bayer.
Negli ultimi giorni ci sono state indiscrezioni circa le recenti mosse dell’headhunter assunto da Sanofi, Russel Reynolds Associates. La più recente indiscrezione è relativa a Weber CEO di Takeda che ha affermato in un’intervista a Reuters di essere stato contattato per succedere a Viehbacher, ma di aver rifiutato. Precedentemente, Bloomberg aveva riportato che anche Buhoun era stato contattato, ma che anche lui aveva declinato. Un aspetto non irrilevante è l’alto regime di tassazione applicato dal sistema francese sugli stipendi stellari di alti dirigenti. In una recente intervista a Reuters, Weinberg ha detto di essere esasperato dal sistema di tassazione francese che rende estremamente difficile per un top manager francese che lavora all’estero rientrare in patria.
(Fonte GoINPHARMA)