Ancora buoni risultati di Phase-III per Opdivo di Bristol-Myers Squibb (tumore polmone)

Bristol-Myers Squibb ha annunciato un accordo di cooperazione scientifica con la biotech Illumina che produce sequenziatori DNA. La cooperazione è volta allo sviluppo di test diagnostici da combinarsi con terapie antitumorali di Bristol-Myers Squibb e all’identificazione di nuovi biomarcatori tumorali. Uno dei primi target della cooperazione sarà la compresione di come varia il DNA delle cellule tumorali in confronto con quello delle cellule sane.  Per BMS la cooperazione è molto importante perchè lo sviluppo di nuovi test diagnostici può portare alla preparazione di farmaci più efficienti. Il titolo Illumina è uno dei più positivi dell’intero Nasdaq con una crescita negli ultimi 12 mesi del 50% e con una capitalizzazione di $35bn.

Questa non è stata l’unica buona notizia della settimana per BMS, infatti a mercati chiusi il gruppo americano ha comunicato che il trial clinico di Phase-III CheckMate -078, che ha valutato l’efficacia di Opdivo (nivolumab) su un campione di pazienti cinesi con tumore al polmone non a piccole celle (NSCLC) ha raggiunto l’endpoint primario e due endpoint secondari. I dettagli dei risultati verranno comunicati lunedì 16 aprile all’American Association for Cancer Research (AACR) Annual Meeting 2018 che si tiene a Chicago

(Fonte BMS)