Angelini e Stada di contendono Upsa di Bristol-Myers Squibb (€1bn)

Il quotidiano economico-finanziario Handelsblatt ha riportato ieri che il produttore tedesco di generici Stada è stato ammesso alle ultime fasi del processo di cessione dell’azienda francese Upsa, la quale appartiene alla multinazionale Americana Bristol-Myers Squibb. Il quotidiano riporta che oltre a Stada sono state ammesse all’ultima fase di negoziazione anche l’italiana Angelini e le due private equity CVC Capital Partners e PAI Partners. Le quattro aziende hanno tempo fino a fine novembre per sottoporre un’offerta definitiva a BMS.

Upsa impiega circa 1500 dipendenti e nel 2017 ha realizzato vendite per €425m con un un EBITDA di €100m e secondo gli analisti potrebbe essere ceduta per €1bn (10x EBITDA)

(Fonte Handelsblatt)