Bere più di 6 tazze di caffè al giorno diminuisce il rischio di diabete di tipo 2

E' stato pubblicato in Diabetologia il primo studio che valuta se un cambiamento della quantità cosumata di tè o caffè abbia qualche effetto nel conseguente rischio di diabete di tipo 2 in soggetti sani. Si tratta di un'analisi osservazionale di 3 ampie coorti statunitensi, i cui risultati mostrano che coloro i quali avevano aumentato il loro consumo di caffè di una tazza e mezza al giorno, confrontati con coloro che non avevano cambiato le loro abitudini, avevano un rischio più basso dell'11% di diabete di tipo 2. E gli effetti si sono rivelati dopo un periodo di 4 anni. Al contrario, coloro che avevano ridotto il consumo di caffè a due tazze al giorno avevano un aumento del rischio del 17% nei seguenti 4 anni, sempre confrontati con coloro che non avevano cambiato le proprie abitudini di consumo. Cambiamenti nel consumo di tè, invece, non sono stati associati con il rischio di diabete 2, forse a causa del basso numero di soggetti appartenenti a questo gruppo. I benefici sono stati osservati con il consumo di caffè nero, con minime quantità di latte o zucchero. I ricercatori hanno affermato che più di 6 tazze di caffè al giorno, inserite in uno stile di vita sano, sembrano dare un minor rischio di diabete di tipo 2. (Fonte Medscape)