Big Pharma festeggia un anno record

E’ stata una grande annata per le grandi del farmaceutico mondiale con più di $250bn di valore in acquisizioni portate a segno e che hanno significativamente modificato il panorama delle multinazionali del settore.
Basti pensare a grossi gruppi che hanno ceduto interi settori con marchi storici come nel caso di Merck (consumer products) o Novartis che sta portando a termine la cessione dello storica divisione vaccini. Anche in Italia ci sono stati degli importanti sviluppi, basti pensare ad esempio alla cessione di Rottapharm a Meda per €2.7bn,
La più grande acquisizione nel settore pharma rimane quella dell’americana Allergan da parte della irlandese Actavis per $66bn. Di rilievo anche l’acquisizione di Condivien da parte di Medtronic che è costata a quest’ultima $42.9bn. Vi sono stati anche delle acquisizioni che non si sono realizzate e sicuramente la più importante è quella di Pfizer nei confronti della britannica AstraZeneca ($118bn) che non è andata a fine probabilmente per effetto del cambio della legge da parte dell’amministrazione Obama in materia di tassazione di capitali all’estero. La stessa motivazione è attribuibile al fallito tentativo di AbbVie di acquisire Shire. Molti esperti del settore prevedono che la stagione delle acquisizioni continuerà anche nel 2015 visto che l’M&A sembra essere ormai il dipartimento che può garantire il metodo più efficiente e veloce che le big hanno di far crescere il proprio valore di mercato.
(GoINPHARMA)