Buona trimestrale per JnJ con la divisione farmaceutica che segna un +19%

Johnson & Johnson ha presentato oggi prima dell’apertura di Wall Street i risultati finanziari relativi al Q2 2018. JnJ ha registrato un aumento delle vendite dell’11% ($20.8bn) rispetto al Q2 2017. Le buone performance sono dovute principalmente alla divisione Pharmaceuticals che ha riportato un incremento del 19% delle vendite grazie ai farmaci antitumorali e antiinfiammatori. In particolare il segmento oncologico è cresciuto del 42.2% grazie soprattutto a Zytiga (cancro alla prostata) le cui vendite sono salite del 63% e Darzalex (leucemia). La divisione Consumer Health è rimasta quasi invariata con un modesto incremento delle vendite dello 0.7%. Uno dei brand più importanti brand della divisione “Baby Shampoo” ha perso però il 7.7%. La divisione Medical Devices ha invece guadagnato il 3.7% portando il fatturato a $6.97bn.

La buona trimestrale ha spinto in alto il titolo del 3.5%, portando la cpaitalizzazione a 346 miliardi di dollari.

(Fonte JnJ)