Cannabis Sativa: recenti sviluppo e prospettive

È comune associare l’idea della Cannabis al fumo che satura l’interno di un piccolo coffee shop olandese dove la Cannabis viene liberamente venduta e consumata; o ai nuovi oli, lozioni, e all’ampia gamma di altri prodotti oggi commercializzati dalle industrie della Cannabis, un mercato che secondo alcuni analisti potrebbe raggiungere i 24,5 miliardi di dollari di vendite nel 2021 (Arcview Market Research). Tuttavia, l’uso di questa pianta incredibilmente versatile va ben oltre l’uso ricreativo, in quanto può essere sfruttata per il suo grande potenziale terapeutico.

L’utilizzo della Cannabis per scopi medici è di vecchia data: le primissime testimonianze storiche risalgono al 2800 a.C. negli scritti  dell’erbario cinese Pen-ts’ao. E anche i testi delle piramidi ci suggeriscono che la Cannabis era impiegata a fini curativi in Egitto almeno dal 2350 a.C.

Nonostante gli estratti di questa pianta siano stati usati per trattare una vasta varietà di sintomi nel corso dei secoli in molte parti del mondo, nella medicina occidentale la Cannabis è stata introdotta solo nel 19° secolo dal medico irlandese William Brooke O’Shaughnessy, che la usava per trattare il tetano, reumatismi e convulsioni; e dal medico francese Jean-Jacques Moreau de Tours per la cura di malattie psichiatriche.

Nopnostante i notevoli precedenti, l’implementazione di Cannabis per usi terapeutici di un certo rilievo scientifico è relativamente recente. Il tetraidrocannabinolo (THC) -il composto psicoattivo della Cannabis- è stato isolato solo nel 1964 e clonato nel 1967. I recettori dei cannabinoidi sono stati caratterizzati negli anni ’90 e da allora il numero di pubblicazioni relative alla Cannabis è aumentato esponenzialmente.

L’interesse per le proprietà del THC era principalmente legato all’impatto sociale che questo prodotto ha avuto negli ultimi decenni. Ma parallelamente a ciò, la ricerca medica è stata in grado di sfruttare le sue peculiarità per trattare sintomi come dolori cronici, insonnia e inappetenza, tra gli altri.

I trattamenti con THC hanno generato molte polemiche all’interno della comunità scientifica, a causa dei suoi vari effetti collaterali. Negli ultimi 30 anni, ad esempio, una vasta letteratura ha stabilito che l’uso di Cannabis contenente un’alta percentuale di THC è un fattore di rischio significativo per l’insorgenza e lo sviluppo dei sintomi della schizofrenia.

Per le considerazioni sopra citate, l’attenzione si è spostata verso altri componenti della Cannabis (più di 60 sono i composti bioattivi) di particolare interesse. Tra questi, il cannabidiolo (CBD), la seconda molecola principale della Cannabis Sativa, non esercita un’azione psicoattiva a livello del sistema nervoso centrale. Inoltre, sembra che il CBD abbia un profilo di sicurezza favorevole con solo pochi effetti collaterali minori, come stanchezza, diarrea e cambiamenti di appetito o peso.

Da un punto di vista molecolare, gli effetti farmacologici del CBD sono noti, nonostante i suoi meccanismi d’azione rimangano per lo più sconosciuti. Uno dei modelli proposti ipotizza la sua azione come agonista inverso (un tipo di agonista che produce un effetto di segno opposto a quello dell’agonista) sui recettori dei cannabinoidi. Di conseguenza, il CBD diminuisce l’idrolisi dell’anandamide (AEA, il principale cannabinoide endogeno) (inibendo FAAH, l’enzima che catalizza la degradazione dell’AEA) e la sua ricaptazione, facilitando così la neurotrasmissione mediata dagli endocannabinoidi.

Tale punto è cruciale, poiché squilibri generati all’interno del delicato sistema endocannabinoide sono associati a molte patologie, inclusa la schizofrenia. In quest’ultima condizione neurologica, i livelli di AEA sono aumentati nel sangue e la gravità dei sintomi è negativamente associata ai livelli cerebrospinali di AEA. Per questo motivo il CBD è stato proposto come una possibile cura alternativa, per il tentativo di ridurre gli effetti collaterali degli antipsicotici commercializzati, data anche la loro debole efficacia su alcuni sintomi della schizofrenia, e per ricostituire l’equilibrio del sistema endocannabinoide alterato.

I risultati di questi esperimenti sono legati al rapporto THC: CBD, in particolare è già stato detto che una percentuale più elevata di THC è associata ad un aumentato rischio di un primo episodio psicotico. Dall’altra parte, la Cannabis con contenuti di CBD più elevati è stata associata a un minor numero di esperienze psicotiche. Inoltre, quando il CBD veniva somministrato a ratti o volontari sani, mostrava proprietà antipsicotiche, migliorando i sintomi sia negativi che positivi della schizofrenia.

I miglioramenti dei sintomi clinici e il ristabilimento dei livelli ematici di AEA osservati negli schizofrenici trattati con CBD, suggeriscono che la capacità del CBD di migliorare indirettamente la segnalazione dell’AEA potrebbe rappresentare un possibile meccanismo che contribuisce alle sue proprietà antipsicotiche.

Altri modelli indicano che il CBD è in grado di legarsi ed attivare i recettori TRPV1; è un possibile antagonista di un recettore dei cannabinoidi chiamato GPR55; e agisce da agonista dei recettori serotoninergici. Pertanto, il CBD potrebbe essere in grado di migliorare i sintomi della schizofrenia combinando simultaneamente tutti questi diversi meccanismi di azione, o alcuni di essi.

Anche se finora è stata prodotta una letteratura più significativa sulla schizofrenia, altri studi hanno ricercato gli effetti del CBD sulla depressione,sui disturbi bipolari e sull’ansia, raggiungendo risultati simili nel migliorare i sintomi prodotti da queste gravi malattie psichiatriche.

Per concludere, sono in corso ricerche sempre più avanzate sull’uso della Cannabis a scopo terapeutico. Tuttavia, l’uso del CBD per ragioni mediche si scontra con la legislazione e le tradizioni sociali di diversi Paesi. Tali variabili rendono certamente l’approvazione della Cannabis molto complicata per uso medico. E nonostante la storia e le recenti prove scientifiche mostrino quanto sia innegabile il suo potenziale terapeutico, è noto per certo che la Cannabis aumenta il rischio di sviluppare patologie legate al sistema nervoso centrale. Sebbene questi effetti siano attribuibili solo al THC, mentre il CBD non avrebbe alcun effetto collaterale, sono ancora necessarie indagini cliniche per valutare gli effetti cronici del CBD.

 

 

Paolo Masia si è laureato presso l’Università di Trieste / SISSA in Neuroscienze. Attualmente è un dottorando in Neuroscienze presso l’Università di Cagliari, dove studia le basi molecolari della “Gateway Hypothesis”, la quale postula che l’esposizione precoce ai cannabinoidi (così come ad altre droghe leggere) nell’adolescenza potrebbe causare cambiamenti neurobiologici tali che influenzano la maturazione cerebrale, aumentando la probabilità di abusare di droghe pesanti durante l’età adulta.

 

 

 

 

 

 

Bibliografia:

 

Bisogno, T. et al.Molecular targets for cannabidiol and its synthetic analogues: effect on vanilloid VR1 receptors and on the cellular uptake and enzymatic hydrolysis of anandamide. Br. J. Pharmacol.134, 845–852 (2001).

 

D’Souza, D. C. et al. Delta-9-tetrahydrocannabinol effects in schizophrenia: implications for cognition, psychosis, and addiction. Biol. Psychiatry57, 594–608 (2005).

 

Iffland, K. & Grotenhermen, F. An Update on Safety and Side Effects of Cannabidiol: A Review of Clinical Data and Relevant Animal Studies. Cannabis Cannabinoid Res2, 139–154 (2017).

 

Russo, E. B., Burnett, A., Hall, B. & Parker, K. K. Agonistic properties of cannabidiol at 5-HT1a receptors. Neurochem. Res.30, 1037–1043 (2005).

 

Russo, E. B. History of cannabis and its preparations in saga, science, and sobriquet. Chem. Biodivers.4, 1614–1648 (2007).

 

Schubart, C. D. et al. Cannabis with high cannabidiol content is associated with fewer psychotic experiences. Schizophr. Res.130, 216–221 (2011).

 

Walther, S. & Halpern, M. Cannabinoids and Dementia: A Review of Clinical and Preclinical Data. Pharmaceuticals (Basel)3, 2689–2708 (2010).

 

Zuardi, A. W. History of cannabis as a medicine: a review. RevBrasPsiquiatr28, 153–157 (2006).