CHMP dà raccomandazione positiva per Gazyvaro nella CLL

Il CHMP di EMA ha raccomandato l'autorizzazione al commercio di Gazyvaro (obinutuzumab) in combinazione con il farmaco oncologico chlorambucil per il trattamento di pazienti adulti con leucemia linfetica cronica precedentemente non trettata. Il farmaco ha una designazione di farmaco orfano. E' destinato all'utilizzo in pazienti che per le loro condizioni cliniche non possano essere trattati con una terapia a base di fludarabine a dose massima. La leucemia linfatica cronica, un raro tipo di cancro che, nell'Unione Europea, è stata diagnosticata in più di 62000 pazienti nel 2012 e ha provocato la morte di più di 41000 persone, resta una patologia incurabile. I trattamenti attualmente disponibili sono in grado di produrre una remissione, ma la malattia si ripresenta in praticamente tutti i pazienti. Gazyvaro è un anticorpo monoclonale che ha come obiettivo i linfociti T. Nello studio su cui si basa la raccomandazione positiva del Comitato, il prodotto ha mostrato che i pazienti trattati hanno avuto un prolungamento della sopravvivenza rispetto al gruppo placebo Gazyvaro è prodotto da Roche. (Fonte EMA)