Cosa c’è dietro ad AbbVie/Shire

La recente acquisizione di Shire da parte di AbbVie per $54.7bn ha inasprito il dibattito in US sulla tendenza, sempre più accentuata, da parte di gruppi multinazionali americani di investire in acquisizioni all’estero pagando con capitali guadagnati al di fuori degli US. Riportare i capitali in madre patria significa per ditte come AbbVie essere tassate due volte. Durante una conferenza stampa il CEO di AbbVie, Richard Gonzales, ha dichiarato che il sistema di tassazione americano applicato ai capitali riportati in patria pone i gruppi americani in forte svantaggio rispetto alla concorrenza non americana. Questo è stato anche uno dei motivi che hanno indotto Mylan ad acquisire una parte del portfolio di Abbott Laboratories scegliendo poi l’Olanda come residenza fiscale, e il tentativo di acquisizione ($107bn) di AstraZeneca da parte dell’americana Pfizer, che avrebbe scelto la Gran Bretagna come paese dove pagare le tasse dell’acquisita.
(Fonte Financial Times)