Cresce la tensione attorno a Pfizer/AstraZeneca

Voci di mercato parlano di una possibile nuova offerta da parte di Pfizer per AstraZeneca, questo nonostante il gruppo americano abbia precedentemente annunciato di non voler rinnovare l'ultima offerta che aveva raggiunto i $107bn, ovvero i $93 per azione. L'offerta di Pfizer andava a pagare un premium consistente, soprattutto se si considera che il valore delle azioni di AZ è solo di $73. Per questo motivo, i grossi investitori di AstraZeneca erano divisi sull'offerta di Pfizer. Schroders, che possiede il 2.1% delle azioni, ha annunciato pubblicamente di essere stato negativamente sorpreso dal veloce rifiuto da parte di AstraZeneca. D´altra parte, investitori come Fidelity (1.4%) e Investor of Sweden (4%) hanno appoggiato la reazione del board guirdato dal CEO Pascal Soriot. Di contro la maggior parte dei top 10 investitori di Astra Zeneca non hanno espresso la loro opinione pubblicamente e tra i top dieci si contano gruppi come il fondo di investimento BlackRock (7.8%), il gruppo francese di assicurazioni Axa (5.5%), l'investitore Vanguard (4.7%) e l'investitore americano Invesco (3.6%). (Fonte Financial Times e Seekingalpha)