EASL, risultati dello studio ALLY-1

Bristol-Myers Squibb Company ha annunciato che nello studio clinico di Fase III ALLY-1, disegnato per valutare un regime di 12 settimane con daclatasvir e sofosbuvir una volta al giorno associati a ribavirina per il trattamento di pazienti con epatite C cronica sia con cirrosi avanzata o con recidiva di HCV dopo trapianto di fegato, gli endpoint primari sono stati raggiunti con successo. I dati sono stati presentati al congersso annuale dell’European Association for the Study of the Liver (EASL). Gli endpoint premari raggiunti mostrano che il 95% di pazienti genotipo 1 trapiantati e che l’82% dei pazienti con HCV genotipo 1 con cirrosi avanzata ha raggiunto la SVR12. Inoltre, tra tutti i pazienti arruolati nello studio, il 94% di coloro che presentavano recidiva di HCV post trapianto e l’83% di tutti i partecipanti con cirrosi avanzata hanno raggiunto la SVR2.
(Fonte Bristol-Myers Squibb press release)