Emma Walmsley, CEO di GSK, presenta una buona trimestrale e conferma l’interesse per la divisione Consumer Healthcare di Pfizer

Il CEO di GlaxoSmithKline, Emma Walmsley e il suo team hanno presentato oggi i risultati relativi al terzo trimestre e con l’occasione hanno risposto alle domande degli analisti circa la strategia M&A del gruppo britannico. Emma Walmsley ha confermato le voci che davano GSK molto interessata all’acquisizione della divisione Consumer Healthcare di Pfizer, che sembra ora essere in vendita e che è valutata circa $14bn. Il CEO di GSK ha anche dichiarato che è molto presto per ulteriori dichiarazioni perchè sono passate solo poche settimane da quando Pfizer ha dichiarato l’intenzione di valutare la possibilità di cedere la divisione. Le vendite del gruppo nel Q3 2017 sono salite dell’11% grazie ad un forte effetto valuta (+3% a valuta costante) e l’EBIT è aumentato del 7% (GBP2.3bn) vs Q32016 che è un dato superiore alle attese degli analisti. L’EPS è stato di 32.5p, anch’esso meglio delle attese. Le vendite dei prodotti farmaceutici sono salite del 3% grazie ai prodotti per HIV e “Respiratory” Ma la vera buona notizia è che il fatturato generato dai nuovi prodotti é aumentato del 44% nel Q3 (GBP1.7bn). Nonostante i buoni risultati il titolo (Londra) ha perso oltre il 2%.
(Fonte GSK’s Transcript)