Gilead firma due accordi di cooperazione in due giorni per NASH e immunoterapie

La biotech californiana Gilead Sciences ha emesso oggi un comunicato stampa nel quale informa di aver firmato un accordo con la biotech Agenus che prevede il trasferimento a Gilead dei diritti della terapia di Agenus AGEN1423 dietro il pagamento di $120m a cui s potrebbero aggiungere però altri pagamenti al raggiungimento di precise milestone fino ad un massimo di $1.7bn. Con l’accordo Gilead diventa anche azionista di Agenus attraverspo l’acquisto di azioni per $30m. AGEN1423 è una terapia immunoterapica che va ad incrementare l’arsenale di terapia antitumorali di Gilead che conta già le nuove terapie ereditate con l’acquisizione di Kite.

Gilead aveva ieri annunciato un’altra collaborazione. Infatti ieri è stata la volta di Scholar Rock Holding con la quale Gilead ha iniziato a collaborare per lo sviluppo di nuovi inibitori TGF beta per la cura di patologie fibrotiche come la steatosi epatica non alcolica (NASH). Il NASH è uno dei settori terapeutici più importanti per la biotech californiana che punta a differenziare il suo portfolio per rendere il gruppo sempre meno dipendente dal settore terapeutico della epatite B, che mostra ormai da anni segni di rallentamento.

L’accordo con Scholar Rock prevede un primo pagamento di $80m che garantisce a Gilead l’accesso a nuove inbitori TGF Beta. Sono previsti inoltre ulteriori versamenti fino ad un massimo di $1.425m a condizione che vengano raggiunte precise milestone. Anche in questo caso Gilead si garantisce un posto tra gli azionisti di Scholar Rock attraverso l’acquisto di azioni per un valore di §30m.

(Fonte Gilead)