Gli investitori chiedono uno stop all’uso degli antibiotici nell’industria alimentare

Un gruppo di 71 investitori, che rappresentano investimenti per oltre $2000bn stanno esercitando pressione sull'industria alimentare perchè cessi o riduca l'impiego di antibiotici, quando questi non sono strattamente necessari. Il timore espresso dagli investitori riguarda la possibilitá che si sviluppano ceppi batterici antibiotico-resistenti, che porrebbe un serio rischio finanziario e alla salute. Un recente rapporto della Public Health England ha stimato che il costo sociale della antibiotico-resistenza potrebbe raggiungere i $100Kbn entro il 2050. Gli antibiotici sono somministrati soprattutto a pollame e maiali e quasi unicamente per scopo preventivo e non curativo. (Fonte FT)