Il 2017 sará un anno cruciale per l’industria dello zucchero

Il 2017 sarà un anno cruciale per l'industria dello zucchero in Europa. Infatti a partire dal primo ottobre scomparirà il tetto posto alla produzione annuale di zucchero che era fissata dal 1968 a 13.5 miliardi di tonnellate pa. Con l'eliminazione del limite produttivo sparisce anche il prezzo minimo imposto di 404 euro per tonnellata per lo zucchero bianco raffinato e 25 euro la tonnellata per la barbabietola da zucchero. La liberizzazione del mercato dello zucchero potrebbe causare un crollo del prezzo come giá osservato nel caso del latte. L'industria europea dello zucchero è già sotto forte pressione e infatti il 40% dei saccarifici ha giá chiuso negli ultimi anni e questo nonostante vi sia un costante e significativo aumento della domanda in Asia, Medio Oriente e Africa. La Francia e di fatto il primo produttore europeo e questo grazie ai gruppi Tereos (Beghin Say, la Perruche), Cristal Union (Daddy) e Saint-Louis e questi gruppi aumenteranno probabilmente la loro produzione di un 10 - 15% al fine di abbassare i costi di produzione. (Fonte Les Echos)