I 9 migliori cuscini cervicale per un buon sonno

Medici ed esperti lo dicono da anni: dormire bene è il principale segreto per iniziare ogni nuova giornata con la giusta dose di energia che gli odierni ritmi di vita ci impongono. Un buon sonno non serve soltanto a svegliarsi riposati la mattina, come erroneamente si potrebbe pensare, ma dormire male ha effetti anche sull’umore e sullo stato di benessere generale.

Il cuscino giusto è essenziale per una buona qualità del sonno. È vero infatti che durante la notte scarichiamo su collo e spalle tutte le tensioni accumulate di giorno e, complice una posizione sbagliata, rischiamo di portarci dietro costantemente mal di testa e dolori cervicali.

Ma come scelgo il cuscino giusto per me? In questo articolo vediamo insiemequal è il miglior cuscino cervicale e dove comprarlo.


Le migliori cuscini cervicale


Qual è il miglior cuscino cervicale?

Un cuscino anticervicale potrebbe essere la soluzione perfetta per chi soffre di dolori al collo a causa di una posizione scorretta durante la notte: esso infatti può aiutare a correggerla, lasciando così i muscoli cervicali totalmente rilassati mentre dormiamo. È importante però sapere che non tutti i cuscini vanno bene per chiunque.

Infatti, ognuno deve scegliere il cuscino ortopedico più adatto alla forma del proprio collo, della colonna vertebrale e della posizione preferita durante il sonno. Non tutti i cuscini sono uguali e molti possono non essere adatti alla nostra specifica situazione!

Cerchiamo quindi di capire insieme qual è il miglior cuscino cervicale per ciascuno di noi, così da rendere il dolore al collo e alle spalle soltanto un bruttissimo ricordo.

Qui di seguito ti presentiamo le migliori cuscino cervicale

1. Cuscino cervicale a doppia onda Tempur

TEMPUR Cuscino Ortopedico Original Queen Large

Vedi recensioni su Amazon

Il prodotto, che viene venduto in diverse taglie e con prezzi differenti a seconda della misura selezionata, è un cuscino realizzato con l’intento di ottenere un effetto benefico sulla cervicale di chi lo usa. Con lo scopo di garantire sollievo ai muscoli del collo, è stato progettato in maniera tale che si adatti perfettamente alla forma del collo e della testa attraverso il classico design a doppia onda.

Dal momento che esistono diverse taglie e diverse misure, si consiglia di scegliere quella più adatta per evitare che il cuscino non si adegui perfettamente alla tue esigenze.

Il materiale con cui viene realizzato è materiale Tempur, che altro non è che una sorta di memory foam rivisto e personalizzato dall’azienda. Il cuscino è quindi adatto a combattere i dolori cervicali di chi dorme principalmente supino o di lato, senza precludere però l’uso a chi predilige altre posizioni.

Nonostante il costo sia consistente, il rapporto qualità prezzo è davvero ottimo e si dimostra un acquisto azzeccato tra quelli sul mercato per chi deve risolvere problemi importanti a livello di testa e collo.

2. Cuscino ortopedico a farfalla Millennium Queen Tempur

TEMPUR Cuscino Cuscino Millennium Queen L Bianco...

Vedi recensioni su Amazon

La forma a farfalla in cui è realizzato il cuscino fa si che questo sia in grado di mantenere il collo in posizione corretta durante il sonno e, evitando posizioni sbagliate, chi lo usa possa evitare fastidiosi dolori al mattino.

Anche in questo caso, così come per il prodotto precedentemente descritto, è importante scegliere la taglia con cui acquistarlo. Viene venduto in tre misure differenti (S, M, L) e per evitare che il cuscino possa risultare fastidioso va scelto anche sulla base della larghezza delle spalle; sul sito ufficiale Tempur sono presenti una serie di parametri e indicazioni per aiutare il cliente ad effettuare l’acquisto giusto e che sia in grado di soddisfare le diverse esigenze.

Il cuscino, realizzato per tutti coloro che soffrono di dolore nella zona cervicale, ha una fodera facilmente rimovibile e in questo modo può essere lavata senza alcun problema.

L’ergonomia del prodotto fa si che questo sia in grado di adattarsi perfettamente alle diverse posizioni che il soggetto assume durante la notte (sul fianco o a pancia in su).

3. Cuscino cervicale in memory foam Shapely

bonmedico Shapely Cuscino Cervicale, Cuscino in...

Vedi recensioni su Amazon

Parliamo ora di un altro cuscino cervicale a doppia onda, il più economico dell’intera batteria: il cuscino cervicale Shapely. Realizzato in memory foam, è in grado di adattarsi alla posizione che più preferisce chi ne fa uso e per questo motivo è perfetto sia per soggetti che dormono sul fianco che a coloro che dormono a pancia in su.

La capacità di modellarsi sulla forma del nostro collo è incrementata dal fatto che il prodotto ha un’altezza regolabile. Rimuovendo lo strato intermedio, la ditta garantisce un’altezza di 10,5/8 cm.

Per assicurare un sonno confortevole e piacevole, è stato ricoperto di un tessuto Jacquard morbido ed incredibilmente traspirante. La fodera può essere rimossa facilmente e lavata alla temperatura di 60 gradi.

Unica pecca potrebbe essere il forte odore che ha appena rimosso dalla confezione ma sarà sufficiente tenerlo poco all’aria aperta affinché questo svanisca. Il materiale con cui è realizzato è Memory Foam, un composto capace di mantenere la forma della nostra testa anche una volta che ci saremo alzati.

4. Cuscino cervicale ergonomico in memory regolabile Levesolls

Levesolls Cuscino Cervicale Memory con Altezza...

Vedi recensioni su Amazon

Il prodotto che andremo ora a recensire, ha in più rispetto alla concorrenza la capacità di offrire fino a quattro altezze regolabili. L’altezza iniziale è di 12/10 cm e, se viene rimosso lo strato centrale ,si potrà raggiungere un’altezza di 9/7 cm.

Il cuscino cervicale Lavesolls ha l’imbottitura in memory foam, che permette di alleviare la rigidità muscolare, favorendo il rilassamento di collo e schiena, grazie ad una forma ergonomica che segue perfettamente le curve fisiologiche della colonna vertebrale. Il poliestere con cui viene costruito è di alta qualità e garantisce un’ottima funzione traspirante. La particolare forma del cuscino che segue in maniera armonica le linee naturali della zona cervicale e delle spalle è sicuramente un punto di forza.

Anche la federa è realizzata con materiali di qualità garantita, traspiranti e freschi, è anti sudore, a prova di polvere, anti-insetti e anti-acari; perfetto anche per i bambini che soffrono di allergie.

Il cuscino si dimostra infine particolarmente adatto a chi vuole smettere di russare durante la notte.

5. Cuscino cervicale in memory foam per dolori al collo Power of Nature

Power Of Nature Cuscino Cervicale Memory Foam,...

Vedi recensioni su Amazon

Il cuscino di cui andremo ora a parlare ha dimensioni leggermente inferiori rispetto agli altri che abbiamo visto. Viene venduto con una cerniera che permette di rimuovere facilmente la fodera per poterla lavare, cosa molto positiva in quanto rende il prodotto decisamente più igienico dei corrispettivi a fodera fissa.

Si tratta di un prodotto termosensibile e automodellante con canali di traspirazione. Il guanciale è ad alta densità e costituito da Memory Foam in schiuma viscoelastica. La qualità del tessuto è buona e le rifiniture risultano curate e ben realizzate.

L’utilità di questo prodotto è sostenuta non solo da coloro che hanno difficoltà a dormire la notte e che cercano un cuscino morbido e confortevole, ma anche da coloro che soffrono di dolori articolari (a carico del rachide cervicale ad esempio) e muscolari.

A beneficiare dell’uso del cuscino cervicale Power of Nature è anche la circolazione sanguigna che, grazie alla riduzione dei punti di pressione, risulta migliorata e la qualità del sonno ne trarrà grande giovamento.

6. Cuscino ortopedico da viaggio a ferro di cavallo Bonmedico

bonmedico Cuscino Cervicale Ergonomico in Memory...

Vedi recensioni su Amazon

Prima di parlare del prodotto in questione, è opportuno dire che il marchio Bonmedico è da tempo sinonimo di garanzia e qualità soprattutto per quanto riguarda gli ausili anatomici e i prodotti ergonomici.

Il cuscino ortopedico in questione è un guanciale a ferro di cavallo in Memory Foam, molto diverso dai precedenti e particolarmente adatto ad un uso da viaggio. Arriverà insieme ad una confezione da viaggio ed è dotato di una federa rimovibile, che può essere lavata ad una temperatura non superiore ai 30 gradi.

L’utilizzo di un cuscino a ferro di cavallo è molto utile in situazioni in cui è necessario mantenere il collo fermo, in modo da non stressare eccessivamente articolazioni e muscoli cervicali. Più che a letto, viene solitamente impiegato sul divano per guardare la TV, davanti al PC, in viaggio.

È possibile usarlo anche a letto in posizione distesa, avendo però cura di porre un secondo cuscino di media altezza sotto la testa che abbia il compito di sorreggerla, così da non porre in tensione i muscoli cervicali.

7. Cuscino cervicale a farfalla traspirante Soledì

Cuscino Cervicale Traspirante Cuscino Memory Foam,...

Vedi recensioni su Amazon

La possibilità, offerta da questo cuscino, di ridurre la pressione sulla zona cervicale e di garantire un sonno confortevole e piacevole fa si che il soggetto potrà svegliarsi la mattina senza quei fastidiosi dolori alla schiena.

Anche questo cuscino è regolabile in altezza e questo fa di lui un prodotto davvero versatile a prescindere che si dorma supini (pancia in su), proni (pancia in giù) o sul fianco.

La realizzazione 100% in poliuretano ne garantisce la permeabilità all’aria e la fibra di poliestere al 100% fa sì che anche il gusto estetico non venga in alcun modo deluso. La struttura a farfalla ha due curve del cuscino che seguano le forme del collo e si adattano perfettamente alla colonna vertebrale.

Utile per tutti coloro che hanno una posizione scorretta durante il sonno o che assumono posizioni scomode per leggere o giocare al cellulare. Agisce in maniera benefica su dolori articolari e muscolari e chi l’ha provato conferma che questi al mattino risultano quasi del tutto scomparsi.

8. Cuscino cervicale massaggiante Naipo

Naipo Cuscino Massaggiante Massaggiatore Cervicale...

Vedi recensioni su Amazon

Se parliamo di salute, la tecnica del massaggio è ormai diventata un rimedio molto utilizzato per il benessere muscolare di collo e spalle: il cuscino cervicale massaggiante Naipo fa proprio questo!

Questo prodotto si presta bene ad essere utilizzato in macchina, in ufficio, a letto, per ottenere un massaggio accompagnato dal rilascio di calore, con effetto rigenerante, rilassante e, soprattutto, benefico per la circolazione del distretto superiore del nostro corpo. Possiede inoltre una funzione di spegnimento automatico dopo 20 secondi, che impedisce un surriscaldamento del motore.

I 4 nodi di massaggio garantiscono una distribuzione uniforme del calore e della pressione lungo il collo, così da provvedere in maniera efficace a decontrarre e decongestionare collo e testa da tutte quelle tensioni che causano poi dolore cervicale e mal di testa.

Chi l’ha acquistato consiglia, a coloro che hanno la sensazione che il massaggio sia troppo intenso, di utilizzare uno spessore (ad esempio un asciugamano), per attutire la sensazione di pressione. Il materiale con cui è realizzato è similpelle nella parte posteriore, mentre nella parte anteriore troviamo un tessuto che garantisce la traspirazione.

9. Cuscino ortopedico in lattice per cervicale Evergreenweb

Evergreenweb - Cuscino 100% Lattice Doppia Onda...

Vedi recensioni su Amazon

Infine, parliamo di un cuscino cervicale realizzato 100% in lattice, materiale totalmente ecologico e anallergico. Il suo design ergonomico permette di appoggiarsi in modo tale da garantire corretta posizione di testa e collo, apportando notevoli benefici alla salute di chi lo usa.

La traspirabilità con cui questo cuscino è stato progettato fa sì che venga preservato dall’umidità (fastidiosa soprattutto durante la notte) e che venga garantita la circolazione e l’evaporazione dell’aria.

Questo cuscino è riconosciuto come dispositivo medico di Classe I da parte del Ministero della Salute. Così come gli altri cuscini di cui abbiamo parlato, anche questo tratta in maniera efficace i dolori articolari e quelli muscolari, che spesso al risveglio possono risultare fastidiosi, ma è utile anche per una buona circolazione sanguigna che è alla base della nostra salute e fonte di energia durante la giornata.

La testa non sprofonda all’interno del cuscino ma rimane ben salda nella posizione corretta ma per ottenerla è necessario regolare il cuscino all’altezza giusta, sulla base delle nostre caratteristiche fisiche.

Cuscino per cervicale: tutto ciò che devi sapere

Cuscino-per-cervicale

In questa lunga lista dedicata al miglior cuscino cervicale, abbiamo cercato di evidenziare le caratteristiche dei principali cuscini ortopedici in commercio, con attenzione a sottolinearne le differenze e le situazioni in cui è meglio usare un guanciale anziché un altro.

Se stai pensando di comprarne uno, in questa sezione cercheremo di guidarti nella scelta di quello giusto per te. Si tratta di un prodotto che può migliorare nettamente la qualità del sonno e, di conseguenza, incrementare il nostro benessere psicofisico complessivo.

Come abbiamo già detto, però, è importante capire quale sia il cuscino anticervicale perfetto per noi, in base alla posizione in cui si dorme, alle problematiche che abbiamo e, ultimo ma non ultimo, un buon comfort per delle dormite rigeneranti e indimenticabili!

Per aiutarti nella scelta, esploriamo insieme tutte le caratteristiche che possano orientarti verso un acquisto consapevole del cuscino ortopedico perfetto per le tue esigenze.

Di che materiali sono fatti i cuscini cervicali?

il-miglior-cuscino-cervicale

È importante conoscere le particolarità dei diversi materiali usati per fabbricare i cuscini per la cervicale, così da poter scegliere il materiale che meglio può adattarsi ai tuoi bisogni e a risolvere la causa del tuo dolore.

I diversi materiali utilizzati vanno ad influenzare la qualità del prodotto, ma anche la sua efficacia nel combattere i dolori cervicali, così come l’uso che ne va fatto nelle diverse posizioni che si possono assumere durante il sonno.

Qui sotto troverai una lista dei materiali più usati nella realizzazione di cuscini ortopedici anticervicale, le loro peculiarità e per quale funzione ognuno di essi può essere più adatto.

  • Piume

Mentre nel passato le piume erano molto utilizzate, oggi tendono ad essere man mano sostituite da materiali più innovativi ed ergonomici. I cuscini di piume per la cervicale restano ancora una delle scelte migliori per chi dorme in posizione prona, a pancia in sotto, oppure per chi tende a muoversi molto durante la notte, cambiando spesso posizione.

Questo perché si tratta di un materiale molto più morbido e lasso degli altri che vedremo tra poco, perciò riesce ad adattarsi meglio ai cambi di posizione, rispetto a guanciali rigidi o di forme che ricalcano l’andamento della colonna vertebrale cervicale.

Ovviamente la grande versatilità di questo materiale fa sì che i cuscini in piuma siano meno specifici per il trattamento dei dolori cervicali e poco adatti per chi dorme in posizione supina.

Infine, le piume sono un materiale che può frequentemente essere causa di allergie: si sconsiglia quindi l’uso dei cuscini in piuma per le persone che ne sono allergiche o che, comunque, hanno una certa predisposizione di base alle allergie.

  • Fibre

Un cuscino cervicale può essere realizzato con diversi tipi di fibre naturali o sintetiche, ognuna delle quali con peculiari caratteristiche. Tra le fibre sintetiche quelle più utilizzate per ergonomicità, durezza e rapporto qualità prezzo sono le fibre in poliestere o quelli in fibra siliconata. La più comune invece tra le fibre naturali è il cotone, che conserva sempre la sua classica freschezza.

Le ragioni principali per scegliere un cuscino in fibra sono il prezzo molto contenuto di questo tipo di prodotto, la morbidezza e il fatto che ne esistano di diversi tipi, ognuno adatto a particolari esigenze e, la maggior parte dei quali, completamente anallergici.

Un cuscino cervicale in fibra è una buona scelta se dormi di lato oppure sulla schiena, perché offre un buon sostegno del collo, senza però essere troppo rigido o deformabile. Inoltre le fibre, specialmente quelli naturali, rendono il cuscino particolarmente traspirante e quindi confortevole nei mesi estivi.

  • Lattice

Il lattice è uno dei materiali più utilizzati nei cuscini ortopedici di ultima generazione. Possono essere fatti in lattice naturale oppure sintetico: il primo è più elastico e durevole, nonché ecologico e riciclabile, mentre il lattice sintetico risulta meglio adattabile a diverse esigenze e leggermente più duro.

Un po’ come le piume, il lattice tende ad adattarsi molto bene ad ogni cambiamento di posizione e di abbracciare collo e testa in modo dolce, senza costringerne la posizione. È per questo che è consigliato per chi dorme di lato oppure chi tende a muoversi molto durante la notte.

I cuscini anticervicale in lattice sono un po’ più costosi dei due precedenti. Il rapporto qualità prezzo però resta comunque molto buono, perché il materiale risulta davvero versatile ed efficace nel combattere i dolori a collo e spalle.

Per questo tipo di materiale è sconsigliato il lavaggio, a secco o in acqua, poiché potrebbe danneggiare la trama. Si consiglia invece di rimuovere le federe e spazzolarlo per eliminare polvere e sporco.

  • Memory foam

Se cerchi un guanciale altamente affidabile, costruito nel materiale più innovativo e benefico ad oggi esistente nel campo delle tecnologie per il buon sonno, la scelta dovrebbe ricadere su un cuscino in memory foam.

Si tratta di schiume dense a base di poliuretano, dei materiali viscoelastici che devono il nome “memory” alla loro capacità di “ricordare”, di avere memoria della nostra forma: esso infatti non oppone resistenza al nostro corpo, bensì ne assume e ne mantiene la forma, avvolgendolo e sostenendolo in maniera dolce e naturale.

Un cuscino in memory foam è quindi ottimo ad adattarsi praticamente ad ogni posizione assunta durante la notte, rivelandosi la soluzione perfetta per tutte le esigenze. Questo materiale, inoltre, migliora la circolazione sanguigna a livello della testa e contribuisce ad alleviare le tensioni a livello del collo, riducendo drasticamente i sintomi della cervicale.

Anche il memory foam è un materiale leggermente più costoso ma la qualità, la versatilità e il benessere scaturito dall’uso di questo tipo di cuscino ortopedico sono davvero impagabili.

Anche questo tipo di cuscino non è adatto al lavaggio in lavatrice o a mano: bisognerà quindi porre particolare attenzione ad utilizzare sempre una federa, la quale andrà poi lavata periodicamente.

Qual è il miglior cuscino cervicale in base alla posizione in cui dormi?

Sebbene quasi tutti gli esperti di salute del sonno siano concordi nel definirela posizione “a pancia in giù” quella peggioree con maggiori problemi in termini di reflusso e cervicale, le altre posizioni hanno un po’ tutte i loro pro e i loro contro.

Abbiamo un po’ già visto nel paragrafo precedente qual è il miglior cuscino per ogni tipo di posizione preferita, ma cerchiamo di ricapitolare e andare più nel dettaglio.

Prona (a pancia in giù)

Si tratta della posizione meno consigliata ma, allo stesso tempo, purtroppo è davvero ottima per prendere sonno, dal momento che in un certo qual modo simula un grande abbraccio rassicurante. È proprio per questo che è una delle posizioni notturne più adottate dalle persone.

Se si tratta anche della tua posizione preferita, la cosa migliore da fare è scegliere un cuscino piuttosto basso, che non solleciti eccessivamente il collo ad assumere una posizione iperestesa che potrebbe causare uno stress alla colonna vertebrale e ai muscoli cervicali.

Parlando di materiali, invece, quelli perfetti per chi dorme prono sono sicuramente le piume e il memory foam, in quanto più flessibili e meno rigidi, capaci di deformarsi seguendo l’orientamento naturale della forma del collo.

Supina

In questo caso è consigliato un cuscino di media altezza, in modo da mantenere la spina dorsale il più possibile allineata durante la notte.

È infatti errore comune scegliere un guanciale eccessivamente alto, magari perché dobbiamo usarlo per guardare la TV o leggere un libro, ed usare questo stesso cuscino per dormire.

Com’è facilmente intuibile, se si dorme a pancia in su con un cuscino troppo alto sotto la testa, l’effetto sarà l’elevazione in avanti di capo e collo. Questa condizione, protratta per tutta la notte, non fa che affaticare e mettere in tensione i muscoli delle spalle e del collo.

Il materiale più adatto per questo tipo di posizione è sicuramente il memory foam, che permette di accogliere e sostenere la testa in maniera del tutto naturale e senza sforzi aggiuntivi.

Di lato

L’altezza del cuscino in questo caso dipenderà molto dalla larghezza delle tue spalle. Infatti, per mantenere un allineamento testa-collo-torace il più neutrale possibile, bisognerebbe rispettare la distanza che separa l’orecchio dalla spalla su cui dormi, senza gravare troppo su di essa che verrà altrimenti schiacciata. Per questo la scelta spazia tra cuscini ortopedici di altezza media o alta.

Il miglior materiale in questo caso saranno le fibre, dal momento che i cuscini in fibra sono meno deformabili e più rigidi, così da poter fornire il sostegno necessario senza affossare la testa. Sicuramente, anche il memory foam si dimostra sempre una scelta appropriata.

Se cambi spesso posizione nel sonno

In quest’ultimo caso, bisognerà cercare di scegliere una soluzione che vada bene un po’ per ogni eventuale posizione dovessi assumere durante la notte.

La scelta ricadrà su un cuscino di media altezza così che non risulti troppo alto né troppo basso ed un materiale che risulti particolarmente adattabile, principalmente lattice o piume, ma anche il memory foam è sicuramente una buona soluzione.

Quanto è importante la durezza del cuscino?

durezza-del-cuscino

La durezza è un aspetto da tenere ben in considerazione nella scelta di un cuscino per la cervicale, in quanto avrà un impatto piuttosto importante sulla quantità del tuo sonno.

In linea generale, un buon cuscino ortopedico non dovrebbe mai essere troppo duro – per non risultare scomodo per il collo – ma neppure troppo morbido, altrimenti la testa affonderà e non si avrà il sostegno necessario. Saremo quindi costretti a compensare con la contrazione dei muscoli del collo che sì, ci aiuteranno a mantenere la testa in posizione, ma che durante il giorno ci ripagheranno con indolenzimenti e tensioni davvero fastidiose.

Anche la durezza del cuscino dipende dalla posizione prediletta durante il sonno, andiamo a vedere nel dettaglio.

Cuscino morbido

Si tratta dell’opzione migliore per chi è abituato a dormire sulla pancia. In questa posizione, un cuscino troppo duro costringerebbe testa e collo all’indietro in una posizione innaturale. Alla lunga questo causerebbe infiammazioni muscolari cervicali, alle spalle e dolori articolari.

Utilizzando un cuscino quanto più morbido possibile, il peso della testa lo modellerà, mantenendo una posizione naturale e che non sforzi i muscoli.

Cuscino di media durezza

Questa è la soluzione adatta a chi dorme sulla schiena ed ha bisogno, quindi, di un cuscino che fornisca il giusto sostegno alla forma del collo, senza essere troppo rigido.

Un’altra situazione per cui è perfetto un cuscino non troppo duro né troppo morbido è quando si cambia posizione molto spesso durante la notte.

Cuscino duro

I cuscini molto duri sono perfetti se dormi su di un lato. Come già detto, infatti, in questa posizione è importante avere un sostegno che impedisca alla testa di “cadere” verso la spalla e al collo di assumere una posizione scomoda e innaturale.

Il cuscino duro in questo caso permette di mantenere la linea cervicale naturale, fornendo un miglior supporto per la colonna vertebrale e riducendo il rischio di dolori cervicali.

Quale forma dovrebbe avere il cuscino cervicale?

L’ultima caratteristica a cui è importantissimo porre attenzione è la forma del nostro cuscino ortopedico. Infatti, esistono diverse forme di cuscino cervicale, ognuna delle quali è concepita per specifici scopi e per soddisfare differenti esigenze.

Le principali conformazioni sono a doppia onda, a farfalla o a ferro di cavallo. Andiamo a scoprire nel dettaglio quali sono gli obiettivi di ogni tipologia di cuscino cervicale.

A doppia onda

Il cuscino a doppia onda è concepito per chi dorme in posizione supina, dal momento che riproduce fedelmente le curve della colonna vertebrale cervicale in questa posizione.

Esso presenta un avvallamento centrale delimitato da due “gobbe”. Queste hanno altezze differenti: la parte più bassa viene di solito posta sotto il collo e si adatta perfettamente alla naturale lordosi cervicale, la più alta invece funge da sostegno per la testa.

Nel caso la parte meno rilevata risulti troppo bassa, si può tranquillamente scegliere di porre sotto il collo la gobba più alta.

A farfalla

Questo tipo di cuscino ha una forma cosiddetta “a farfalla”, perché è più sottile al centro e più spesso ai lati, ricordando appunto le ali di una farfalla.

Si tratta di un cuscino dedicato a chi dorme di lato o a chi cambia spesso posizione durante la notte, dal momento che i 3 diversi spessori si adattano a tutte le situazioni sopra citate.

La funzione principale di un guanciale a farfalla è quella di tenere testa e collo quanto più fermi e allineati possibili rispetto al resto del corpo, dedicando l’incavo centrale alla posizione supina, mentre le parti spesse laterali all’appoggio laterale.

A ferro di cavallo

Infine, il cuscino a ferro di cavallo è molto utilizzato durante i viaggi, solitamente per dormire in aereo o sui diversi mezzi di trasporto.

Esso avvolge il collo a 360° in maniera uniforme e offre così il sostegno necessario per evitare di assumere una posizione scorretta mentre si dorme. Lo spessore del cuscino esercita infatti un certo ingombro, che impedirà alla testa di cadere di lato stressando in questo modo la colonna cervicale.

Ovviamente, se di dimensioni non eccessive che rischiano di spingere il collo troppo in avanti, è possibile utilizzarlo anche da distesi. È opportuno, però, abbinarlo con un altro cuscino di medio spessore posto a sorreggere la testa che, altrimenti, cadrebbe all’indietro mettendo in notevole tensione muscoli e vertebre cervicali.

Cuscino per cervicale: guida all’acquisto

Cuscino

Ora che abbiamo visto le principali caratteristiche che differenziano le diverse tipologie di cuscino cervicale, cerchiamo di capire insieme quali siano le cose da tenere in conto in fase di scelta e acquisto, in modo da comprare il miglior cuscino per le nostre esigenze.

I principali aspetti da considerare sono il tipo di rivestimento, l’adattabilità e i materiali utilizzati nella fabbricazione del guanciale.

Rivestimento o fodera

Come in tutti i guanciali, anche il cuscino ortopedico può essere venduto con fodera fissa o rimovibile. Ci sentiamo assolutamente di consigliare il secondo tipo, in quanto essa può essere rimossa e lavata comodamente in lavatrice. È decisamente più igienico, no?

Per quanto riguarda i materiali, il classico cotone è una garanzia. Ci sono però molti nuovi tipi di fibre, come ad esempio le fibre di bamboo, che posseggono delle qualità davvero ottime. Il cuscino in fibre di bamboo risulta infatti resistente all’accumulo di polvere, assorbe il sudore e l’umidità corporea ed è completamente inodore.

Inoltre è un tessuto anallergico e permette all’aria di circolare all’interno del cuscino, conferendogli freschezza e mantenendolo sempre asciutto anche nei mesi in cui si tende a sudare maggiormente.

Se desideri un cuscino versatile, fresco e sempre pulito, una copertura in bamboo rimovibile è la scelta perfetta per te.

Adattabilità

L’adattabilità di un cuscino cervicale non è altro che la sua capacità di cambiare facilmente forma e adattarsi al meglio al tuo corpo e alle sue curve naturali.

Si tratta di una proprietà molto importante, perché in primis un cuscino più adattabile aiuta a dormire meglio e regala un enorme sollievo dal mal di schiena e dai dolori cervicali. Inoltre, la capacità di cambiare forma rapidamente rispetto al nostro corpo è essenziale per chi si muove molto durante il sonno, permettendo di avere sempre l’appropriato sostegno al nostro scheletro e ai nostri muscoli.

Il materiale più adattabile in assoluto è sicuramente il memory foam (ancor meglio il premium memory) ed per questo è quello che consigliamo di più. Molto versatili sono anche i cuscini in fibre, sia naturali che sintetiche, anche se posseggono una maggiore durezza.

Materiali

L’ultimo fattore, di cui per altro abbiamo già parlato, sono proprio i materiali impiegati nella fabbricazione del cuscino cervicale. Non si tratta infatti di un aspetto che dipende soltanto dai gusti personali ma che al contrario influenza molto la qualità del sonno.

È quindi importante scegliere il materiale che meglio si adatta a te e alla posizione in cui dormi abitualmente.

Per chi dorme a pancia in giù la soluzione migliore sono le piume, le quali garantiscono maggior deformabilità. Per chi dorme di lato o in posizione supina, il memory foam risponde alla maggior parte delle esigenze, così come fibre e lattice.


Domande frequenti

🛏️ Che cos’è un cuscino cervicale?

Si tratta di un prodotto disegnato appositamente per mantenere, durante la notte, una posizione di testa e collo quanto più naturale possibile. In questo modo si assicura un buon sonno rigenerante e si ottiene sollievo dai dolori cervicali. Un cuscino di scarsa qualità, infatti, può infiammare la muscolatura cervicale, causando dolori a collo e spalle, mal di testa, cattiva qualità del sonno, quindi fatica e sonnolenza che possono perdurare per tutta la giornata.

🛏️ Come scelgo un buon cuscino cervicale?

Trovare il cuscino ortopedico giusto per te è una missione molto importante, che può rivelarsi difficoltosa. Le soluzioni non adatte potrebbero infatti rivelarsi inadeguate allo scopo. Se cerchi un cuscino per combattere i dolori cervicali, è bene porre particolare attenzione al materiale: particolarmente indicata è un’imbottitura in memory foam. Provando i cuscini e ascoltando il tuo corpo, potrai capire quale tipo di durezza riesce a donarti il miglior comfort e rilassatezza muscolare.

🛏️ Il cuscino cervicale funziona davvero?

Se non si commette l’errore di riposare su un cuscino non adatto al proprio corpo, assolutamente sì. I principali benefici dell’usare un cuscino cervicale è che esso migliora la tua postura durante il sonno. Inoltre migliora la qualità del sonno, aiutandoti a combattere le tensioni muscolari a livello del collo e migliorare la circolazione sanguigna a livello della testa.

🛏️ Quale tipo di cuscino è adatto a chi soffre di cervicale?

È importante indagare sulle cause del dolore cervicale, così da cercare un cuscino che, in posizione supina, riesca a supportare il collo senza spingere la testa in avanti, sottoponendo così muscoli e articolazioni in tensione. Se invece si dorme su un fianco, è importante avere uno spessore che eviti che la testa sia troppo alta o bassa, tale da mantenere il collo allineato col resto del corpo. Il cuscino dovrebbe solo riempire lo spazio tra il materasso e l’orecchio.

🛏️ Dormire senza cuscino fa bene al collo?

Se si dorme a pancia in sotto, dormire senza cuscino potrebbe ridurre un po’ lo stress sul collo, promuovendo un migliore allineamento testa-corpo. Nei casi in cui si dorme sulla schiena o di lato, invece, dormire senza cuscino potrebbe causare più danni che problemi. La testa sarebbe disallineata all’indietro (o di lato) e questo aumenterebbe lo stress che grava sulle vertebre cervicali.

🛏️ Qual è quindi la miglior posizione per dormire?

Facendo un bilancio dei benefici e dei possibili problemi, la posizione migliore per dormire è quella a pancia in su, anche se ricordiamo sempre che non esiste la posizione giusta per dormire ed ognuno tende ad assumere quella più naturale per il proprio corpo. Col supporto del cuscino giusto, questa posizione allinea testa, collo e colonna vertebrale in una posizione neutrale, così da ridurre notevolmente ogni tensione muscolare che può affliggere la zona. Inoltre, se si soffre di reflusso gastroesofageo, la posizione supina è senza dubbio la migliore.