Inizia l’arruolamento in studio di Fase IV per Eliquis

Bristol-Myers Squibb Company e Pfizer Inc. hanno annunciato ieri di aver iniziato l'arruolamento dei pazienti nello studio di Fase IV EMANATE (Eliquis evaluated in acute cardioversion coMpared to usuAl treatmeNts for AnTicoagulation in subjEcts with NVAF), che studierà l'efficacia e la sicurezza di Eliquis in pazienti con fibrillazione atriale non valvolare (NVAF) sottoposti a cardioversione. Eliquis è attualmente approvato nella riduzione del rischio di stroke ed embolismo sistemico in pazienti affetti da NVAF. La cardioversione è una procedura normalmente utilizzata in questo tipo di pazienti che, routinariamente, vengono trattati per un minimo di tre settimane prima della procedura e per quattro settimane dopo con una terapia anticoagulante. In alcuni pazienti la cardioversione viene effettuata lo stesso giorno o entro pochi giorni dall'episodio di NVAF. Eliquis verrà confrontato con gli standard di cura attuali, eparina somministrata per via parenterale e/o anticoagulante orale con un antagonista della vitamina K. (Fonte Bristo-Myers Squibb press release)