La bolla biotech che si sta formando in UK

Molti conoscono la legge di Moore, che descrive la velocitá di crescita della tecnologia dei chip ma pochi conoscono la legge di Eroom che si applica invece al numero di nuovi farmaci proposti sul mercato in funzione degli investimenti per la ricerca. La legge di Eroom di fatto mostra che il numero di nuovi farmaci lanciati si dimezza ogni nove anni e questo nonostante l’incremento drammatico degli investimenti per la ricerca. A questo riguardo la fondazione britannica Nesta ha pubblicato un lungo studio nel quale dimostra che gli oltre  GBP4bn di investimenti governativi in start-up attive nella ricerca di nuovi farmaci si sono rivelati un fiasco perchè la maggior parte (80%) dei candidati falliscono quando testati in trial clinici. Per questa ragione nello studio si definisce la situazione attuale in UK come di una grossa bolla del settore biotech (speculazione), il che è un dato particolarmente importante perchè proprio ora sta di fatto diventando attivo il UK Research and Innovation, un nuovo ente govertativo che porterá gli investimenti a GBP8bn entro il 2020, il che causerà un eccesso di finanziamenti per il settore biotech e a scarsi svantaggio di altri settori.

(Fonte Nesta)