La chimica 2D affascina i ricercatori

Il graphene, il più famoso tra i composti chiamati 2D perchè fatto di un monostrato di atomi di carbonio, continua essere oggetto di ricerche e trova impiego in sempre nuove applicazioni. Recentemente i ricercatori si stanno orientando sempre di più verso altri sistemi 2D che a differenza del graphene, hanno proprietà di semi conduttore. Un esempio è il WSe2, un sistema monostrato sviluppato dagli scienziati dell'Università di Vienna. Il gruppo di Vienna ha progettato un diodo p-n trasparente alla radiazione solare al 95%, che riesce a convertire lo 0.05% della radiazione in corrente elettrica. Questa scoperta potrebbe aprire nuove applicazioni a questo materiale come coating attivo e trasparente per facciate in vetro di grandi edifici. (Fonte Nature Nanotechnology)