Lo stent riassorbibile di Abbott sovrapponibile a Xience

Abbott ha annuciato ieri risultati positivi di ABSORB II, il primo trial controllato, randomizzato, prospettico, nel quale venivano confrontate la sicurezza e l’efficacia del device cardiaco riassorbibile Absorb rispetto allo stent metallico Xience, anch’esso dell’azienda. I risultati dello studio, condotto soprattutto in Europa e che ha incluso 501 pazienti con malattia coronarica (CAD), sono stati presentati al 26° Transcatheter Cardiovascular Therapeutics (TCT). Valutati ad un anno, gli outcome clinici totali per Absorb erano sovrapponibili a Xience, e i pazienti sottoposti a procedura con Absorb hanno potuto registrare minor incidenza di angina. Il prodotto funziona come uno stent metallico, consentendo di ripristinare il flusso sanguigno in una coronaria, con una maggior flessibilità rispetto al metallo e dissolvendosi nel tempo. Il vaso trattato, libero quindi da un impianto permanente, ha la possibilità di rispondere alle diverse necessità funzionali cardiache. Absorb è costituito da polilattato, un materiale che si dissolve naturalmente e che è comunemente utilizzato per gli impianti medicali, come ad esempio le suture riassorbibili. Il device è indicato con il nome di “scaffold” (impalcatura) proprio per indicare la sua funzione temporanea, fornendo un supporto al vaso fino a quando l’arteria recupera la pervietà nel tempo.
(Fonte Abbott press release)