Lo stipendio di Emma Walmsley, neo CEO di GSK

Alcuni dei maggiori shareholders di GlaxoSmithKline hanno espresso la richiesta di rivedere verso il basso la remunerazione per il nuovo CEO Emma Walmsley e hanno giustificato la richiesta con la limitata esperienza che la Walmsley ha nel settore farmaceutico. Emma Walmsley è entrata in GSK nel 2010 come capo della divisione Consumer Products dopo una lunga carriera in l'Oreal. Il predecessore, Sir Andrew Witty, guadagnava nel 2015 GBP1.1m di salario base a cui si sono aggiunti GBP5.5m di bonus. Pare che il nuovo CEO avrà invece un salario base di 850000 sterline e avrà un bonus significativamente inferiore a quello del predecessore. Tra le sfide che attendono Emma Walmsley, vi é sicuramente la decisione se mantenere la struttura corporate del gruppo (difesa da Witty) o se cedere alla pressione di molti investitori che chiedono la divisione di GSK in unità indipendenti per poi quotarle in borsa. Emma Walmsley è probabilmente la più potente business woman del Regno Unito ed è uno dei rarissimi casi, assieme a Heather Bresch (Mylan), di CEO donna nel big pharma (Mylan). (Fonte SkyNews)