LSD per ridurre l’ansia nei pazienti terminali

E' stato pubblicato uno studio in Journal of Nervous and Mental Disease uno studio preliminare che prende in considerazione l'utilizzo dell'LSD (Lysergic Acid Diethylamide), sotto stretto controllo di uno psicoterapeuta qualificato, come ansiolitico nei pazienti terminali. I risultati di questa ricerca pilota hanno mostrato che il prodotto utilizzato in combinazione con la psicoterapia, è sicuro ed efficace. Si tratta del primo studio controllato con questa combinazione (LSD/psicoterapia) in più di 40 anni. (Fonte Medscape)