Non convince la tecnologia di MiMedx basata sui liquidi amniotici

Difficile momento per MiMedx (Marietta Georgia), un’azienda che produce e commercializza prodotti ottenuti da liquidi e tessuti amniotici. Negli ultimi giorni MiMexdx ha perso oltre il 15% di capitalizazzione dopo che United Healthcare, una delle più importanti assicurazioni sanitarie in US, ha dichiarato che non rimborserà i prodotti di MiMedx e di ogni altra azienda che lavora con derivati del liquido amniotico perchè non esistono abbastanza evidenze cliniche sull’efficacia della tecnologia. I prodotti di MiMedx sono fasce, membrane, cerotti e liquidi iniettabili che promuovono disturbi quali disfunzione erettile, osteoartrite e calvizia. I dubbi sulla reale efficacia della tecnologia proposta da MiMedx circolano già da tempo e infatti il titolo (NasdaqCM) ha perso oltre il 70 % dall’inizio dell’anno. Il modello di business sviluppato dall’azienda di Marietta è abbastanza semplice, MidMedx preleva dagli ospedale tessuti amniotici (placenta) che sono relativamente economici e li integra in membrane da applicare su ferite o li secca e macina fino ad ottenerne una fine polvere per farne delle soluzioni da iniettare per via sottocutanea.

(Fonte WSJ)