Nuove evidenze di efficacia per Gilenya nella sclerosi multipla

Novartis ha annunciato nuove analisi degli studi di Fase III FREEDOMS e FREEDOMS II che sono stati presentati al meeting annuali dell’American Academy of Neurology (AAN), che mostrano come pazienti precedentemente trattati e che presentavano sclerosi multipla recidivante (RMS) altamente attiva, se sottoposti a terapia con Gilenya (fingolimod) avevano una probabilità sei volte maggiore di raggiungere la situazione di nessuna evidenza di attività della patologia (NEDA4), valutata attraverso quattro parametri chiave di questa attività, se confrontati con il gruppo che assumeva il placebo per due anni. La situazione NEDA4 viene raggiunta quando un paziente con (RMS) non presenta recidive, lesioni, diminuzione del volume cerebrale e nessuna progressione della disabilità.
(Fonte Novartis press release)