Ottima trimestrale di AbbVie, ma il mercato rimane scettico circa la pipeline del gruppo

La statunitense AbbVie ha riportato venerdì alla comunità finanziaria un’altra positiva trimestrale. Le vendite del gruppo sono aumentate del 18.5% e l’EBIT è aumentato del 31% raggiungendo il livello di $2.7bn, Humira, che è il farmaco più venduto al mondo, continua a registrare una crescita delle vendite e infatti nel terzo trimestre il fatturato generato è aumentato del 9.5% e questo nonostante il farmaco abbia perso la sua protezione brevettuale a vantaggio delle concorrenti Amgen, Sandoz, Mylan e Samsung Bioepis che hanno lanciato il loro generico in Europa due settimane fa ad un prezzo che è più economico del 10-80%. Il fatto che Humira rappresenti ancora il 60% del fatturato dell’intero gruppo preoccupa gli investitori e infatti il titolo ha ormai perso il 20% del suo valore dall’inizio dell’anno perchè gli investitori non percepiscono che il gruppo abbia reali alternative a Humira. Il management cerca comunque di convincere il mercato che la pipeline è ricca di potenziali blockbuster che possono differenziare il portfolio del gruppo, Il caso più importante é l’antitumorale Imbruvica, le cui vendite sono aumentate del 44%.

(Fonte AbbVie)