Ottimi risultati nell’asma per mepolizumab, di GlaxoSmithKline

Mepolizumab, anticorpo monoclonale antagonista dell’interleuchina-5 di GlaxoSmithKline, ha raggiunto l’endpoint primario in due studi di Fase III, disegnati per valutare la sua sicurezza ed efficacia in pazienti con asma eosinofila. Nel trial MENSA, i pazienti che hanno ricevuto mepolizumab hanno mostrato una riduzione statisticamente significativa della frequenza delle esacerbazioni asmatiche vs placebo. Questo risultato è apparso più evidente nel sottogruppo di pazienti con livelli ematici di eosinofili maggiori o uguali a 500 cells/uL. Nello studio SIRIUS, coloro che sono stati trattati con il prodotto, hanno registrato una riduzione statisticamente significativa della dose giornaliera di corticosteroide orale in un periodo di tempo di 20-24 settimane, se confrontata con la dose stabilita durante laa fase di ottimizzazione del trial. Nello studio, la coorte di pazienti in trattamento con mepolizumab ha mostrato una riduzione statisticamente significativa nella conta degli eosinofili. GSK intende presentare le domande di autorizzazione per il prodotto per la fine del 2014.
(Fonte Seeking Alpha)