Polimeri che si autoriparano

Ricercatori dell’università dell’Illinois hanno pubblicato sulla rivista Science un articolo nel quale dimostrano di aver sviluppato un polimero che ha la capaictà di autoripararsi da graffi e danni. Già altri gruppi di ricerca hanno annunciato nel passato sistemi con proprietà analoghe, ma i danni che potevano essere corretti non potevano essere più grandi di pochi micron. Il nuovo sistema polimerico riesce però ad autoriparsi danni di dimensioni fino a 9 mm. Il polimero è stato ottenuto attraverso un processo a due stadi che prevede una prima gelazione e una successiva polimerizzazione. Durante la seconda fase vengono prodotti dei canali che contengono un agente gelante e catalizzatore che intervengono nel momento in cui vi è un danno alla superficie. Al momento i ricercatori hanno sviluppato sistemi a base di metacrilati e a politioleni.
(Fonte Science)