Polimerizzazione per macinazione, il metodo più primitivo funziona

Il ricercatore del MIT Swager e Ravnsbk dell'università di Aarhus (DK) hanno riportato un esperimento quanto meno sorprendente. Hanno polimerizzato il poly(2-methoxy-5-2'-ethylhexyloxy phenylene vinylene) nel polimero conduttivo poly(phenylene vinylene) (PPV). Il processo è relativamente veloce, non richiede nè solventi, nè catalizzatori e nella sua semplicità porta a risultati migliori della sintesi tradizionale in termini di lunghezza della catena. I due ricercatori hanno comunicato che il prossimo passo sarà utilizzare la macinazione per aggiungere gruppi funzionali a catene polimeri già create. (Fonte Macro Letters)