Positivo il primo bilancio della IPO della svedese Immunovia

Tempo di bilanci per la svedese Immunovia, che esattamente un mese fa ha fatto il suo debutto nel listino del Nasdaq. Da allora il titolo ha guadagnato oltre il 10% e la capitalizzazione è passata da €214m a €247m. Immunovia AB è nata nel 2007 da un gruppo di scienziati del dipartimento di immunologia della Lund University e CREATE Health (Center for Translational Cancer Research Lund) e impiega attualmente 40 dipendenti. Il focus dell’azienda è lo sviluppo di metodi di diagnosi di tumori, come quello al pancreas e malattie autoimmuni attraverso l’analisi del sangue. Immunovia ha sviluppato una piattaforma tecnologia, chiamata IMMray che è di fatto un kit di test con anticorpi che permette una precoce diagnosi del tumore che può aumentare la probabilitá di sopravvivenza dei pazienti dell’ 8-50%. Recentemente Immunovia ha annunciato che Clínica Universidad de Navarra (Spagna) ha accettato di partecipare allo studio PanFAM-1, che è uno studio della durata di tre anni che mira alla precoce diagnosi del tumore al pancreas in in 1000 individui a rischio perchè hanno avuto casi di tumore al pancreas in famiglia (FPC).

(Fonte Immunovia)