Presentati nuovi dati di efficacia per Keytruda

Al congresso annuale dell'American Association for Cancer Research, MSD ha presentato i dati di tre studi clinici condotti con il suo anti-PD-1 Keytruda (pembrolizumab). Nello studio KEYNOTE-028, condotto in pazienti affetti da mesotelioma, è stata rilevata un tasso totale di risposta del 28% in soggetti con tumori che esprimevano PD-L1. La percentuale di controllo della malattia è stata del 76%. Lo studio di Fase III KEYNOTE-006 che confrontava Keytruda con Yervoy (ipilimumab) di BMS in pazienti affetti da melanoma avanzato non operabile è stato interrotto in anticipo poichè i dati hanno mostrato come Keytruda si sia rivelato statisticamente superiore a Yervoy in termini di PFS, di sopravvivenza totale e di percentuale di risposta totale. I dati dello studio di Fase Ib KEYNOTE-001 in pazienti con NSCLC avanzato naive o precedentemente trattato hanno mostrato, infine, una ORR (overall response rate) del 45.4% in pazienti con almeno il 50% di cellule tumorali positive per PD-L1, del 16.5% in pazienti con una percentuale dall'1 al 49% e del 10.7% con una percentuale di cellule minore dell'1%. (Fonte Seeking Alpha)