Propano da batteri

Ricercatori dell’Imperial Colleage di Londra in collaborazione con ricercatori dell’Universitá di Turku (Finlandia) hanno sviluppato, grazie alla modifica del suo patrimonio genetico, un microrganismo in grado di generare propano. I risultati della ricerca, pubblicati su Nature Communication, mostrano che attraverso l’inserzione di 5 enzimi, il microrganismo Escherichia Coli (forse il microrganismo più studiato in assoluto) può produrre propano che può essere facilmente estratto dal sistema attraverso un aumento della temperatura della coltura. Gli autori dell’articolo hanno indicato che le ricerche proseguiranno utilizzando batteri del lievito, allo scopo di passare da una produzione di propano dell’ordine di mg/litro a g/litro.
(Fonte Nature Comm.)