Pubblicati in The Lancet dati di Fase III per Arzerra associato con clorambucile

Sono stati pubblicati nella rivista The Lancet dati di Fase III che mostrano come il trattamento con Arzerra (ofatumumab) associato alla chemioterapia con clorambucile hanno prodotto un miglioramento significativo per quanto riguarda la PFS vs clorambucile da solo in pazienti naïve affetti da leicemia linfocitica cronica (CLL) per i quali non si ritenga possibile una terapia a base di fludarabina, spprattutto a causa dell’età avanzata o per presenza di comorbidità. La patologia, il tipo di leucemia più comunemente diagnosticata negli adulti, colpisce soggetti di età media di 71 anni, che molto spesso presentano comorbidità quali ipertensione, diabete, problematiche cardiache e COPD. I dati pubblicati sono alla base della presentazione delle domande di approvazione per il prodotto negli Stati uniti e nell’Unione Europea, effettuate nel 2014. Arzerra, in associazione con clorambucile, per la valenza di questi risultati, è stato recentemente incluso nelle linee guida di trattamento del National Comprehensive Cancer Network (NCCN).
(Fonte Novartis press release)