Rating positivo per il gruppo Teva

Il titolo Teva ha perso il 12% del suo valore dai massimi di settembre e questo probabilmente per effetto dell’approvazione del farmaco anti emicrania della concorrente Eli Lilly, che sarà in diretta concorrenza con Ajovy di Teva. Nonostante questo gli analisti di Goldman Sachs mantengono un giudizio molto positivo e prevedono che il titolo tornerà a crescere in maniera sostanziale nel corso dei prossimi mesi. L’ottimismo degli analisti della banca americana deriva dalla raffica di buone notizie recentemente comunicate dal gruppo israeliano come ad esempio l’approvazione del generico del blockbuster Cialis con un periodo di esclusivitá di 180 giorni e del generico di EpiPen. Recentemente vi sono stati anche i positivi dati di Phase-III study per Fasinumab, un anticorpo monoslonale per il trattamento della sciatica. A questo si aggiunge il fatto che da quando il manager danese Kare Schultz ha preso il controllo del gruppo l’azienda sta procedendo a passo ben diverso rispetto al passato con una chiara strategia di crescita e di abbattimento del debito che si era generato con l’accordo con Actavis.

(Fonte Globe)