Risultati positivi per Brilinta di AstraZeneca

AstraZeneca ha annunciato ieri che lo studio PEGASUS-TIMI 54, che ha coinvolto 21000 pazienti, ha raggiunto il suo endpoint primario composito per morte cardiovascolare, infarto del miocardio o stroke. Il trial è stato disegnato per valutare Brilinta (ticagrelor) in compresse sia alla dose di 60mg e 90mg due volte al giorno più aspirina a basso dosaggio, per la prevenzione secondaria di eventi aterotrombotici in pazienti di età dai 50 anni in su e un fattore di rischio cardiovascolare, che abbiano avuto un attacco cardiaco in un periodo compreso tra uno e tre anni prima dell’inizio dello studio. La valutazione completa dei dati del trial è in corso. I risultati dello studio verranno comunicati durante i prossimi congressi. AstraZeneca inoltre, dopo aver condotto l’analisi dei risultati, intende presentare i dati agli enti regolatori.
(Fonte AstraZeneca press release)