Straordinario sviluppo del fatturato generato dagli immunoterapici Keytruda di Merck & Co. e Opdivo di BMS

Questa settimane le due grandi dell’immunoterapia Merck & Co. e Bristol-Myers Squibb  hanno riportato i risultati finanziari relativi al terzo trimestre. I due gruppi hanno annunciato risultati generali molto diversi tra loro, Merck ha infatti un po’ deluso gli investitori mentre BMS ha mostrato risultati che sono stati oltre le attese. Entrambe le aziende hanno però evidenziato un consistente aumento delle vendite per i loro corrispettivi blockbuster immunoterapici: Keytruda di Merck & Co. ha registrato un aumento delle vendite dell’80% vs Q3 2017 e il fatturato ha raggiunto gli $1.88bn, Opdivo di BMS ha visto il volume di vendite toccare gli $1.79bn ovvero il 42% in più del valore riportato nel Q3 2017.

Merck & Co. ha riportato un profitto netto di $1.95bn ovvero $56m in meno del Q3 2017, che è un risultato ben al di sotto delle attese degli analisti. Le vendite sono cresciute del 4.5% a $10.79bn ma le attese erano di $10.88bn. Il management ha rivisisto leggermente in peggio le stime per l’anno in corso e questo ha causato il crollo del titolo che ha perso il 3% in pochi minuti, subito dopo l’annuncio.

Completamente diversa la trimestrale di BMS che ha migliorato le previsioni per l’anno in corso e questo ha spinto il titolo dello 0.78% e questo anche perchè i profitti nel terzo trimestre sono raddoppiati rispetto a Q3 2017 e il fatturato è aumentato dell’8% a $5.69bn.