Tesaro perla del mercato biotech

Secondo molti analisti del settore la biotech americana Tesaro è prossima ad essere acquisita dal big pharma. Tesaro ha una capitalizzazione di mercato di $7.7bn ma la valutazione del gruppo si aggira ora attorno ai $10bn e questo nonostante Tesaro abbia solo due prodotti sul mercato. Il prodotto da più tempo sul mercato è Varubi, un farmaco contro la nausea causata dalla chemioterapia (CINV). Recentemente é stato lanciato anche Zejula, una nuova terapia per il tumore alle ovaie. Varubi ha il potenziale di generare un fatturato da blockbuster, è infatti attivo in un settore terapeutico che é stimato valere oltre $1bn e in cui il concorrente principale è Emend di Merck & Co., il quale ha generato nel Q1 2017 $133m. Zejula è un inibitore PARP ed è stato il primo farmaco di questo tipo ad ottenere 'approvazione dalla FDA per il tumore alle ovaie. I più importanti prodotti della concorrenza sono Lynparza (AstraZeneca), che ha generato $57m nel Q1 2017 e e Rubraca di Clovis Oncology e che ha venduto nel Q1 2017 per $7m. Se i prossimi trial clinici sono positivi Zejula potrà estendere le sue applicazioni terapeutiche a settori come il tumore al seno, aumentando così il suo potenziale di vendite. Tesaro ha inoltre una ricca pipeline in cui spicca un inibitore PD-1 che se approvato potrebbe generare vendite multimiliardarie. (Fonte The Motley Fool)