Teva punta Mylan?

Voci di mercato riportano di un interesse dell’israeliana Teva per Mylan, operazione che genererebbe un vero gigante del generico da quasi $30bn in vendite e quasi 70000 dipendenti. Ma nonostante le voci, molti esperti del settore vedono l’acquisizione improbabile per una serie di motivi. Il primo è che di fatto Teva non beneficerebbe di alcuna “tax Inversion” perchè sposterebbe la sede fiscale di Mylan dalla Pennsylvania (USA), un paese ad elevata tassazione, ad Israele, un paese con una ancor più alta tassazione. Il secondo motivo per cui Mylan non può essere un target di Teva è che quest’ultima ha sempre detto di volersi focalizzare sui mercati emergenti, mentre Mylan porterebbe in dote un forte focus sull’Europa e Stati Uniti. Infine, pare che Teva non abbia la capacità di accedere ad un tale capitale per poter finanziare l’operazione, delpossibile valore di $22bn.
(Fonte FiercePharma)