Trattamento con interferone beta e microangiopatia trombotica

In una lettera all'Editore pubblicata nel numero del 27 marzo del New England Journal of Medicine, David Hunt, PhD, della Edinburgh University e colleghi hanno riportato 4 casi microangiopatia trombotica (TMA;thrombotic microangiopathy) collegati con l'utilizzo di Rebif (Merck Serono), una formulazione di interferone beta, in pazienti affetti da sclerosi multipla. Enti regolatori in UK hanno ricevuto 6 report spontanei di problematiche connesse a TMA e alla stessa formulazione di interferone. Comunque, non tutti i casi sono riconducibili all'utilizzo della nuova formulazione. In un articolo pubblicato a dicembre scorso e nel numero di maggio di MS and Related Disorders, Reza Vosoughi, professore assistente, Department of Internal Medicine (Neurology), University of Manitoba, Winnipeg, Canada , descrive 8 casi di TMA in pazienti con MS trattati con interferone, dei quali solo uno era criconducibile all'utilizzo di Rebif; gli altri casi erano in trattamento con Betaseron (Bayer Inc) o Avonex (Biogen Idec, Inc), mentre per altri pazienti non era stato possibile risalire al marchio dell'interferone utilizzato. (Fonte Medscape)