Trimestrale in rosso per Bayer

La tedesca Bayer ha pubblicato oggi i risultati relativi al secondo trimestre dell’anno. Il gruppo di Leverkusen ha registrato un aumento delle vendite del’8.5% a €9.48bn con un EBITDA di €2.34bn (+3.9%). Particolarmente buoni i dati relativi alla divisione Crop Science le cui vendite sono aumentate del 21% e l’EBITDA del 99% e questo grazie anche ad un contributo della acquisita Monsanto. Non particolarmente positivi i numeri della divisione Pharmaceuticals che ha riportato un incremento delle vendite del 3% e un calo dell’EBITDA dell’8%. Anche la divisione Consumer Health ha riportato cifre in rosso, infatti il fatturato della divisione è diminuito dell’1% mentre l’EBITDA del 19%. Il titolo (Francoforte) ha immediatamente reagito e ha perso il 3.2% in apertura dei mercati, per poi recuperare parzialmente. Deludenti le performance dei farmaci Xarelto (+10%) e Eylea (15%) che sono state largamente inferiori alle attese degli analisti. L’indebitamente del gruppo ha raggiunto il livello di €37bn e questo nonostante le recenti dismissioni volte a compensare la costosa acquisizione di Monsanto pagata €63bn.

(Fonte Bayer)