I 7 migliori tutori per epicondilite, per curare il gomito del tennista

OffertaPiù venduti No. 1
AGPTEK 2 Pz Supporto Gomito per Tennista e...
588 Recensioni

Si chiama epicondilite laterale e non è altro che il famigerato gomito del tennista. Questo dolore, talvolta molto intenso, consiste nell’infiammazione dei tendini dei muscoli che servono ad estendere la mano verso l’alto. Il dolore nasce nella parte esterna del gomito e si irradia in basso sull’avambraccio.

Il disturbo può essere davvero fastidioso e a tratti invalidante, specie per chi ha bisogno di usare le braccia per lavorare o chi si vede costretto ad interrompere la propria attività sportiva preferita.

Ma c’è un modo per alleviare il dolore provocato dal gomito del tennista? La risposta è sì e consiste in un tutore per il gomito. In questo articolo vedremo qual è il miglior tutore per epicondilite, dove comprarlo e a quali caratteristiche porre attenzione nello scegliere quello giusto per te!

Le Migliori Tutore Per Epicondilite

Qual è il miglior tutore per epicondilite?

Partiamo dal presupposto che non esista una marca o un prodotto che sia nettamente migliore degli altri. Esistono, invece, diversi tipi di tutore, ognuno specifico per una specifica sintomatologia, in base al proprio stile di vita, al lavoro che si svolge o all’attività sportiva che si pratica.

Esistono tutori per il gomito del tennista che fungono da protettore professionale, quelli a fascia elastica, più flessibili e che limitano meno i movimenti, quelli che donano supporto e sollievo al dolore avambraccio tramite la pressione esercitata da cuscinetti compressivi.

Insomma, esistono una miriade di tutori e noi, qui di seguito, vogliamo illustrarti i migliori tutori per epicondilite sul mercato, per districarti agevolmente e capire quale acquistare.

Qui di seguito ti presentiamo le migliori tutore per epicondilite

1. Tutore per epicondilite a maglia Bonmedico

bonmedico Farko Gomitiera con Guaina Compressiva,...

Vedi recensioni su Amazon

Questo tutore protettivo per l’articolazione del gomito regala stabilità all’articolazione senza compromettere la libertà di movimento. Il design anatomico e antiscivolo impedisce che la fascia si sposti durante l’uso, rendendo questo tutore facile da indossare e rimuovere.

Il prodotto è venduto in 5 taglie (dalla S alla XXL) ed è bene seguire la tabella delle misure per scegliere la dimensione giusta. È importante che il tutore non sia troppo largo, per applicare la giusta pressione che dia sollievo dal dolore e la necessaria stabilità.

Il rapporto qualità prezzo è molto buono, considerando gli ottimi materiali traspiranti e antisudore in cui il tutore a maglia Bonmedico è realizzato, impedendo eruzioni cutanee e garantendo un’igiene impeccabile.

2. Tutore per gomito del tennista con cuscinetto compressivo AGPTEK

AGPTEK 2 Pz Supporto Gomito per Tennista e...

Vedi recensioni su Amazon

Il tutore per gomito del tennista AGPTEK ha una forma a bracciale o cinturino, molto sottile e discreto. È fornito di un cuscinetto interno preposto ad applicare una pressione in prossimità della zona dolente (non sopra l’epicondilo, ma 4/5 cm più in basso lungo l’avambraccio) che allevia immediatamente il dolore dell’epicondilite.

Realizzato in materiale antiscivolo e traspirante, questo prodotto fa della comodità il suo fiore all’occhiello. È disponibile in taglia unica, in quanto dotato di cinturino elastico regolabile ed è un valido alleato per praticare senza dolori una vasta gamma di sport, dal tennis al golf, fino al sollevamento pesi.

3. Fascia per il gomito, compressione regolabile per epicondilite Tomight

Gomito, 2 Pacco Gomito del Tennista per Alleviare...

Vedi recensioni su Amazon

Anche la fascia per epicondilite Tomight è a bracciale e deve il suo funzionamento alla pressione esercitata dal cuscinetto che dona sollievo dal dolore e, allo stesso tempo, fornisce maggior sostegno al sistema muscolare dell’avambraccio. Ottimo in caso di tendiniti, borsite, distorsioni e gomito del tennista.

Questo tutore per epicondilite è concepito principalmente per svolgere sport mettendosi al riparo da sgraditi infortuni, ma è utilizzabile anche in attività quotidiane stressanti per l’articolazione del gomito, come ad esempio guidare l’auto.

Chiusura con fascia elastica altamente regolabile, il tutore a compressione Tomight è quello che fa per te se prediligi un tutore poco ingombrante e rimetta in sesto il tuo gomito.

4. Tutore per epicondilite regolabile in neoprene per sport BEZZEE

Fascia Epicondilite Gomito - Regolabile Neoprene...

Vedi recensioni su Amazon

In questo caso ci troviamo di fronte ad un tutore per epicondilite leggermente diverso. Si tratta di una fascia in neoprene e nylon, materiali traspiranti e di alta qualità, che avvolge il gomito stabilizzandolo con due strisce regolabili, le quali si adattano ad ogni misura (il prodotto è in taglia unica).

Indicato per mettere a riposo il braccio dopo affaticamento muscolare, strappi e gomito del tennista. Migliora inoltre la circolazione sanguigna, aspetto importante per aumentare il drenaggio di liquidi in caso di gonfiore post-infortunio o per l’infiammazione.

È pensato principalmente come ausilio nello sport, ma anche per chi compie lavori stressanti per l’articolazione del gomito, come manovalanza o chi lavora molto al computer.

5. Gomitiera elastica e sportiva a compressione Bracoo

Bracoo EE90 Gomitiera Elastica Sportiva. 1 Paio....

Vedi recensioni su Amazon

Si tratta del tutore più economico tra le gomitiere a maglia elastica e compressiva, che presenta un ottimo rapporto qualità prezzo, dato che è ideale per alleviare il dolore in caso di gomito del tennista e i materiali di realizzazione sono morbidi, traspiranti e gradevoli alla pelle.

In questo caso niente taglia unica: la gomitiera sportiva Bracoo è disponibile in 4 misure, dalla S alla XL. Scegliendo la giusta misura, questo tutore permette di compiere movimenti quanto più naturali possibile, così da poter svolgere con tranquillità il programma di recupero dall’epicondilite.

La confezione contiene 2 gomitiere, che possono essere intercambiabili oppure utilizzate su entrambi i gomiti.

6. Tutore per epicondilite a cinturino Prim Neoprair

Fascia Epicondilite Neoprair One Size

Vedi recensioni su Amazon

Arriviamo ora ad un altro tutore per epicondilite a cinturino. Prim Neoprair va messo sull’avambraccio, a circa 4/5 cm di distanza dall’articolazione del gomito. Devia la tensione accumulata sui muscoli e tendini assorbendone una parte e alleggerendo il carico, così da causare sollievo dal dolore.

Lo spessore è di 3mm e la chiusura elastica in velcro permette una regolazione ottimale del tutore: essendo in taglia unica, il bracciale va stretto autonomamente in modo da trovare la compressione più confortevole, applicata come sempre da un cuscinetto interno.

La tecnologia Airlock System garantisce traspirazione della pelle, così da evitare spiacevoli sfoghi cutanei da sudore.

7. Tutore per gomito del tennista a maglia compressiva Compress Pro

Manicotti Braccia per Gomito - 1 Pc Fascia...

Vedi recensioni su Amazon

Ed eccoci giunti all’ultimo prodotto della nostra analisi: si tratta della maglia elastica compressiva Compress Pro.

Questo tutore a maglia fornisce una pressione uniforme su tutta la zona del gomito, così da prevenire infortuni e favorire il recupero. Realizzato in tessuto antiscivolo, garantisce un comfort invidiabile, in quanto il tutore non si sposterà minimamente facendo movimento. Questa caratteristica, insieme al tessuto altamente traspirante, lo rendono particolarmente adatto ad un utilizzo sportivo.

La fascia è presente in 3 misure (S-L-M) che si adattano praticamente a braccia di ogni circonferenza. Piccola chicca: assieme alla gomitiera viene inviato un PDF omaggio su come alleviare il dolore articolare.


Tutore per epicondilite: quale scegliere? Le caratteristiche principali

Tutore-per-epicondilite

Ci sono diversi stili e tipologie di tutori per l’articolazione del gomito, ognuno dei quali mirato a svolgere attività specifiche, a ridurre livelli diversi di dolore e ad ottenere vari un’efficace contenzione dell’articolazione, indispensabile se si soffre di gomito del tennista.

Ovviamente se sei un atleta devi mirare ad un prodotto che offra il maggior sostegno mantenendo comunque un certo grado di flessibilità, mentre se svolgi un’attività sedentaria ed il dolore è molto forte, l’immobilizzazione del gomito diventa il primo obiettivo.

Andiamo a vedere insieme i vari tipi di tutore per epicondilite e le loro principali caratteristiche.

Cuscinetti a compressione

Si tratta di uno dei migliori sistemi per ridurre il dolore del gomito del tennista e velocizzarne la guarigione. Realizzati in materiale elastico come gomma, gel o schiume, questi cuscinetti applicano una pressione lungo il decorso del tendine afflitto da epicondilite, riducendo il dolore e il carico a cui il muscolo è sottoposto.

Questi tutori sono la soluzione perfetta per chi deve muoversi molto durante il giorno, perché tengono i muscoli dell’avambraccio rilassati e sono altamente regolabili, in base al livello di dolore provato.

Tutore elastico

Questa tipologia di tutore è progettata per avvolgere completamente l’avambraccio, stringendo questa zona. La fascia aiuta così a distribuire al meglio la forza e la tensione, in modo da non gravare interamente sul muscolo che ci causa fastidio e da ridurre decisamente il dolore su tutta la zona.

Un effetto antidolorifico locale è dato anche dalla pressione applicata dal tutore che, comprimendo la zona, riesce ad inibire le fibre nervose dal trasmettere lo stimolo doloroso, per lo stesso meccanismo per il quale se ci facciamo male tendiamo a premere sulla parte: è un gesto che attenua il dolore.

Gomitiera a maglia compressiva

Questo presidio è utile per i casi in cui al dolore del gomito del tennista si associano gonfiore e rigidità dell’articolazione.

In questi casi una gomitiera a manica può esercitare un’attività compressiva su gomito e avambraccio, la quale aiuta la zona a sgonfiarsi migliorando il ritorno venoso e la circolazione sanguigna.

Inoltre provvede anche ad una minima funzione di sostegno e immobilizzazione, garantendo comfort e flessibilità.

Tutori per il polso da notte

Non si tratta propriamente di un tutore per l’epicondilite, ma i suoi effetti risultano molto utili anche per il gomito del tennista.

Durante la notte un tutore per il polso può stabilizzare molto i movimenti, impedendo contrazioni involontarie mentre si dorme, che possono peggiorare l’infiammazione che affligge il gomito.

Nastro sportivo

È lo stesso che usa chi pratica attività sportive per evitare infortuni e stabilizzare il movimento. Il suo uso non è limitato soltanto agli atleti, ma può aiutare anche chi soffre di dolori quali l’epicondilite.

Provvede a fornire compressione regolabile e stabilizzazione di muscoli e articolazioni, quindi è particolarmente adatto per l’uso su gomito e avambraccio. Inoltre è molto comodo, in quanto può essere applicato e rimosso anche per brevi periodi, dimostrandosi versatile e allo stesso tempo molto efficace.

Cosa considerare per comprare un buon tutore per epicondilite?

gomito-del-tennista

Ora che hai capito bene di quale tipo di tutore per gomito del tennista hai bisogno, è bene conoscere al meglio tutti gli aspetti che possono orientarti verso la scelta di quello giusto per te.

Verifica la buona qualità del prodotto

Le tendiniti del gomito sono un processo infiammatorio che richiede molto tempo per guarire. Inoltre, molto spesso il dolore tende a diventare cronico e a ripresentarsi anche a distanza di tempo.

È per questo motivo che dovresti porre sempre attenzione alla qualità del tutore che stai acquistando: non deve solo essere un rimedio temporaneo a quel fastidioso disturbo al gomito, ma i materiali e le finiture dovrebbero essere durevoli e garantire una buona riuscita a lungo termine. Prima di acquistarlo dai un’occhiata alle opinioni per conoscere le esperienze di chi ha testato il tutore.

Informati inoltre su come lavare (se è possibile farlo) o pulire il tutore in maniera adeguata, in modo da non rovinarlo precocemente.

La taglia giusta è importante!

Per assicurare il sostegno appropriato e una buona compressione a livello dell’articolazione del gomito, bisognerebbe porre un’attenzione particolare alla misura del tutore, in modo che aderisca bene ma senza stringere in maniera eccessiva.

Se si pensa ad un supporto da utilizzare per lungo tempo, si può optare per un tutore regolabile, che possa seguire le modificazioni della circonferenza del braccio nel tempo (che, si spera, pian piano si sgonfierà).

Se, invece, il tutore ti serve per un dolore acuto, magari in seguito ad un evento traumatico, la cosa migliore è comprare una fascia di misura fissa, che cada a pennello sul tuo braccio.

Tieni conto del tuo stile di vita

Ebbene sì, anche se si chiama “gomito del tennista” non capita solo ai tennisti, anzi può sopraggiungere anche se svolgi un lavoro di ufficio piuttosto sedentario! Diventa importante quindi scegliere il tutore per epicondilite in base al proprio stile di vita.

Se svolgi un allenamento settimanale moderato, il tutore a cuscinetti compressivi potrebbe bastare, in quanto allevia il dolore e non limita il movimento. Se invece vuoi indossarlo come protezione durante un lavoro che magari implica grande sforzo fisico, è bene scegliere un supporto più rigido e protettivo.

In ogni caso, è opportuno rivolgersi sempre al proprio medico per sapere quale tutore per il gomito sia quello più adatto per la tua situazione.

Dai un’occhiata agli “optional”

Alcuni tutori per epicondilite offrono delle caratteristiche extra che possono risultare molto utili. Ad esempio alcuni presentano delle tasche apposite in cui inserire ghiaccio o acqua calda (entrambi utili al trattamento dell’infiammazione). Altri ancora beneficiano di chiusure a strap regolabili minuziosamente, che possono rivelarsi una benedizione nel lungo periodo.

Insomma, si tratta di caratteristiche non essenziali ma che possono, direttamente o indirettamente, velocizzare la guarigione del tuo gomito.

Resta nel budget

È vero, abbiamo consigliato di porre attenzione alla qualità senza badare troppo al risparmio, quando si tratta della salute. Di fatti, in questo caso risparmiare non significa soltanto pagare poco il tutore al primo acquisto.

Come già detto, il gomito del tennista tende a durare a lungo e ripresentarsi di frequente negli individui predisposti. Per questo motivo, nel concetto di risparmio rientra anche pagare più all’inizio per avere un prodotto più resistente, che duri più a lungo.

Infine, è molto importante fare attenzione alla garanzia che i prodotti offrono: di norma, una garanzia di 30 giorni è il minimo da esigere, così da poter provare il tutore e, se non adatto, effettuare il reso gratuitamente.


Domande frequenti

💪 Come si usa un tutore per epicondilite?

Basta stringere la fascia attorno all’avambraccio e stringere fino a percepire la giusta pressione. Il tutore è dotato di un cuscinetto, che va posizionato in prossimità dell’epicondilo (la zona dolente). Non va posto direttamente sull’epicondilo ma circa 5 cm più in basso. Nei casi in cui il dolore è molto forte, si può associare un doppio tutore da mettere al polso, per maggiore sostegno.

💪 Usare il tutore aiuta a migliorare i sintomi del gomito del tennista?

Sì, decisamente. Il tutore applica una pressione sul tendine infiammato e va ad alleviarne il dolore. Allo stesso tempo, esso riduce il carico che grava sul tendine, consentendo una miglior distribuzione della tensione su tutto l’avambraccio.

💪 Posso usare il tutore mentre faccio sport?

Certo, il tutore conferisce sollievo dal dolore e può permetterci di riprendere la normale attività fisica, evitando tuttavia di sottoporre ad eccessivo sforzo il gomito. In ogni caso, esso può risultare un po’ ingombrante, perciò in questi casi può essere utile usare un tutore più sottile.

💪 Devo indossare il tutore per epicondilite per tutto il giorno?

È bene usarlo come protezione durante il giorno, ma il suo uso non dovrebbe superare le 4 o 5 ore consecutive, possibilmente quando si vanno a svolgere le attività più stressanti per il gomito. Un utilizzo troppo prolungato rischia di far perdere forza al muscolo, per questo è meglio non portarlo 24 ore su 24.

💪 Posso dormire con il tutore per il gomito del tennista?

Sarebbe meglio non indossarlo di notte per i motivi citati subito sopra, ma ci sono delle condizioni in cui l’utilizzo del tutore per epicondilite è raccomandato anche mentre si dorme. È il caso di un dolore così intenso che non lascia prendere sonno, oppure nel caso in cui ci si accorga che durante la notte si stringano involontariamente i pugni. Questo può alla lunga infiammare il tendine ed essere una concausa allo sviluppo del gomito del tennista. In questo caso è meglio indossare il tutore per ridurre lo sforzo di muscoli e tendini.