Un gel consente il rilascio prolungato dei farmaci per i pazienti con difficoltà a deglutire

Un team di ricercatori alla University of Huddersfield sta sviluppando un gel che consente di ottenere il rilascio prolungato di farmaci nel sistema digestivo. La tecnica farmaceutica generalmente utilizza questo tipo di rilascio per le formulazioni solide come ad esempio le compresse. I ricercatori hanno rivolto la propria attenzione al gellano, un polisaccaride che si solidifica nello stomaco, ma che è in grado di rilasciare farmaci all’interno dell’intestino per molte ore. I risultati di questa ricerca sono stati pubblicati nella rivista International Journal of Pharmaceutics. Questo tipo di formulazione è destinata all’utilizzo in quei pazienti, o particolarmente giovani o anziani, che abbiano difficoltà a deglutire forme solide dei farmaci. Il team ha utilizzato ibuprofene in questa forma farmaceutica per testarne il rilascio prolungato in una simulazione del fluido gastrico. Il rilascio è stato rilevato a pH 7.4, con una correlazione lineare con la durata relativa alla precedente esposizione e all’acidità del fluido, poichè il gel, in queste condizioni, si irrigidisce. In particolare, un’esposizione del gel ad un ambiente acido della durata di 10 minuti, produce, all’innalzamento del pH, un rilascio più veloce di quello che si può ottenere dopo un’esposizione di 60 minuti. Inoltre, il team di ricercatori ha sviluppato una versione modificata del gel che può essere utilizzato via spray nasale e consente la permanenza dei farmaci all’interno del naso. Queste ricerche appaiono interessanti, anche alla luce di una indagine condotta da Team Consulting, che mostra come il 25% dei dottori ritenga che sia necessario illustrare ai pazienti come inghiottire le compresse.
(Fonte FierceDrugDelivery)