Ún’analisi della nuova JV per OTC di GSK-Pfizer

Ieri GSK e Pfizer hanno sorpreso i mercati con l’annuncio della creazione di una Joint Venture costituita dalle divisioni Consumer Health dei due gruppi. La nuova entità sarà un colosso da 10 miliardi di dollari di vendite, con 25% EBIT e 7.3% market share del mercato mondiale degli OTC. Tra le due sembra essere GSK quella che ci ha guadagnato e infatti il titolo GSK (Londra) ha chiuso con un +5% mentre quello Pfizer ha ceduto l’-1%. GSK non aveva fatto mistero lo scorso anno di voler acquisire la divisione Consumer Health di Pfizer ma la valutazione di $20bn ha fatto desistere la CEO di GSK Emma Walmsley. La Walmsley è però riuscita un anno dopo a garantirsi una posizione da market leader con la JV della quale GSK avrá il 68% delle azioni. Emma Walsmley ha inoltre dichiarato che entro tre anni porterà la nuova JV in borsa (Londra), dove potrebbe raccogliere almeno $40bn. La valutazione è infatti calcolata sul fatto che nel 2022 la JV dovrebbe avere raggiunto un fatturato di 12 miliardi con un EBIT di 4 miliardi (25% del fatturato) e se a questo si applica il fattore moltiplicativo x10 normalmente usato nel settore farmaceutico si arriva ad una valutazione di 40 miliardi, che renderebbe la IPO una delle piú importanti di sempre per l’indice londinese FTSE 100.

Vi sono però analisti che non condividono l’entusiasmo per la mossa della Walsmley e sono preoccupati per le poche risorse a disposizione per pagare i dividendi promessi visto che GSK ha un indebitamento che è salito negli ultimi due anni da 8 miliardi a quasi 30 miliardi. Anche il FCF preoccupa gli analisti perchè il gruppo ha investito un gran parte del cash in processi di ristrutturazione e costi legali. Vi sono inoltre parecchi investitori scettici circa il potenziale risparmio di risorse per effetto delle sinergie che dovrebbero far risparmiare al gruppo britannico GBP500m. Infine il piano della Walmsley di creare una seconda entità indipendente per i vaccini e i farmaci a prescrizione medica preoccupa perchè questa divisione necessità di più blockbuster di quelli che ha il gruppo in pipeline.

(Fonte FT)