Un’analisi delle pipeline del big pharma

La ditta di consulenza Phrma ha pubblicato ieri un report sulle pipeline dei grandi del settore farmaceutico. Secondo il report vi sono ben 289 nuove terapie geniche in fase di sviluppo e 111 di queste sono specifiche per la cura di tumori. Le altre terapie sono intese per patologie come l’Alzheimer, patologie cardiovascolari e neurologiche e malattie infettive.

Le terapie geniche sono ormai nel portfolio di quasi tutte le grandi del settore farmaceutico e i casi più di successo sono rappresentati dai recenti lanci delle terapie geniche Kymriah di Novartis, Luxturna di Spark Therapeutics e Yescarta di Gilead che insieme hanno generato quasi $300m di fatturato. Quest’anno ha inoltre visto anche l’approvazione FDA della nuova terapia RNA interference (RNAi) Onpattro di Alnylam e sviluppata per curare una malattia degenerativa dei nervi.

Nelle pipeline del big pharma vi sono anche 28 terapie geniche per il trattamento di patologie oculari, 24 per patologie cardiovascolari e 22 legate a patologie neurologiche. Interessante notare che vi sono solo 5 terapie in fasi di sviluppo per la cura del diabete, e questo nonostante questa malattia abbia raggiunto livelli pandemici in alcune aree geografiche come USA, Cina e Medio Oriente.

(Fonte PhRMA)